Plex.tv è un nuovo servizio streaming video gratuito con brevi interruzioni pubblicitarie. È appena sbarcato in 200 paesi, fra cui l’Italia, ma almeno per il momento non sembra essere in grado di impensierire realtà come Youtube, RaiPlay o MediasetPlay. Una partenza in sordina, ma quel che conta è il potenziale perché Plex è compatibile con Smart TV, PC, console, smartphone (Android e iOS), Chromecast, Sonos, Roku, Amazon TV, etc.

L’offerta di film, serie TV e documentari è piuttosto limitata e per di più solo in lingua inglese, ma almeno ad alta risoluzione (1080p) e con codifica audio AAC. Persino alcuni classici italiani, come ad esempio Django e Amarcord, sono privi di doppiaggio nella nostra lingua. Il catalogo statunitense è decisamente più ricco, ma probabilmente la strategia in Europa è quella di centellinare gli investimenti nelle licenze. Da rilevare comunque la presenza di brevi descrizioni dei titoli e i punteggi delle più note piattaforme di recensione come Rotten Tomatoes e Interne Movie Database.

Nel corso del tempo, aggiungeremo altre cose di diversi studi cinematografici e produttori, dai film di Hollywood premiati con l’Oscar fino ai più recenti di India, Russia, Cina, Giappone, Africa, America Latina, Australia, Nuova Zelanda ed Europa e quelli fantastici indipendenti appena usciti dal circuito del festival”, ha sottolineato il team di Plex.

Plex.tv nasce come un servizio aggiuntivo dell’applicazione Plex, che è piuttosto nota per gestire contenuti multimediali su qualsiasi tipo di dispositivo. Non è un caso infatti che sia presente anche Tidal, il servizio streaming musicale a pagamento, un servizio podcast e uno di news con partnership blasonate come quelle con BBC, The Guardian, Reuters, etc.

Probabilmente vale la pena provarlo soprattutto in ottica futura. L’attivazione è semplice e immediata: si può procedere inserendo mail e password, oppure abbinando un account Google o Facebook.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google Maps, percorsi per sedie a rotelle per combattere le barriere architettoniche

next
Articolo Successivo

iPhone 11 Pro e i problemi di localizzazione, Apple promette un aggiornamento

next