Samsung ha fatto sapere, con un comunicato sul sito ufficiale, che dal prossimo primo dicembre 2019 le sue smart TV più datate non saranno più compatibili con il servizio di streaming video Netflix. Gli utenti in possesso di una di queste smart TV perderanno dunque la possibilità di accedere al catalogo online e riprodurre film e serie TV, nonostante siano in possesso di un regolare abbonamento.

Il colosso coreano non ha fornito molte spiegazioni e, soprattutto, non ha ancora diramato un elenco completo dei modelli interessati, anche se a quanto pare Netflix ha già iniziato a visualizzare un messaggio sui dispositivi coinvolti, che recita piuttosto laconicamente qualcosa come “Netflix non sarà più disponibile su questo dispositivo dopo il primo dicembre 2019”.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

‎Non sappiamo esattamente quali siano le limitazioni tecniche che impedirebbero alle smart TV Samsung più vecchie di riprodurre i contenuti Netflix, ma la decisione non dipende dall’azienda sudcoreana. Netflix infatti rivede periodicamente le specifiche minime dei dispositivi basandosi su propri criteri mai esplicitati. Questa modifica dunque non interesserà sicuramente i soli televisori Samsung, che non costituiscono un’eccezione o un caso particolare.

Gli utenti comunque possono stare tranquilli: se non avevano in programma di sostituire la propria smart TV non saranno costretti a farlo, perché esistono diverse altre soluzioni alternative per continuare a visualizzare i contenuti Netflix sulla propria smart TV, come ha affermato la stessa Samsung nel comunicato. Il servizio di streaming infatti sarà ancora accessibile tramite le console da gaming come PlayStation e Xbox, diversi media player e ovviamente tramite i dispositivi per lo streaming come ad esempio quelli della famiglia Amazon Fire TV o quelli targati Roku, ad eccezione di alcuni modelli più datati, come i Roku 2050X, 2100X, 2000C, HD Player, SD Player, XR Player e XD Player. Come Samsung, infatti, anche alcune soluzioni Roku non più recenti sono state colpite dalle stesse limitazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ebook, unire editoria digitale e podcast? Una bella sinergia dal cuore italiano

prev
Articolo Successivo

Huawei Nova 5T è lo smartphone con grande autonomia e un buon comparto fotografico, prezzo alto ma calerà

next