“La crescente consapevolezza di un intervento sul cambiamento climatico è ancora troppo debole. Serve una chiara e lungimirante volontà politica“. Così Papa Francesco, in una nota ufficiale inviata a Carolina Schmidt, Ministro dell’Ambiente del Cile e presidente di Cop25, si rivolge ai partecipanti della Conferenza sul Clima delle Nazioni Unite in corso a Madrid. Chiede un intervento immediato: “Bisogna agire contro i cambiamenti climatici con onestà, responsabilità e coraggio, con più risorse umane, finanziarie e tecnologiche“. E poi guarda al futuro: “Numerosi studi ci dicono che è ancora possibile limitare il riscaldamento globale. Per fare ciò abbiamo bisogno una volontà politica avviata a perseguire un nuovo corso che miri a rifocalizzare investimenti finanziari ed economici verso quelle aree che salvaguardano veramente le condizioni di una vita degna dell’umanità su un pianeta sano oggi e domani”.

Bergoglio poi rivolge lo sguardo alle nuove generazioni: “Oggi i giovani mostrano una maggiore sensibilità ai complessi problemi che sorgono da questa emergenza”. Ancora: “Non dobbiamo gravare sulle generazioni future. Invece, dovremmo dare loro l’opportunità di ricordare la nostra generazione come quella che ha rinnovato il bisogno fondamentale di collaborare per preservare e coltivare la nostra casa comune. Possiamo offrire alla prossima generazione motivi concreti per sperare e lavorare per un futuro buono e dignitoso. Spero che questo spirito animerà il lavoro di COP25, per il quale auguro ogni successo“.

E conclude: “È tempo di passare dalle parole ai fatti. Siamo di fronte a una sfida della civiltà a favore del bene comune e di un cambio di prospettiva che pone questa stessa dignità al centro della nostra azione. Rimane una finestra di opportunità, ma non dobbiamo permettere che si chiuda”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, la Groenlandia non è mai stata una terra verde. E i Vichinghi non viaggiavano in Suv

next
Articolo Successivo

Clima, così si può fare a meno del carbone. Ecco la roadmap di Legambiente: gli scenari possibili e i campi di azione

next