Le critiche di Luka Modric, la difesa di Giorgio Chiellini e la baruffa social della sorella. Il mancato Pallone d’Oro a Cristiano Ronaldo e la sua assenza alla cerimonia di premiazione dell’eterno rivale Leo Messi fa discutere anche il giorno dopo. La decisione del fuoriclasse della Juventus – presente al Galà Aic dove è stato premiato come miglior giocatore della Serie A – è stata velatamente criticata anche dal centrocampista del Real Madrid e suo ex compagno di squadra.

Il vincitore dello scorso anno, che ha premiato Messi consegnandogli il suo sesto Pallone d’Oro, ha spiegato: “Sono qui perché il calcio è rispetto, per questo sono venuto a dare il premio a Messi e a congratularmi con lui. Quando non vinci, devi esserci per mostrare rispetto. Il calcio è questo e sono qui per festeggiarlo. Gli ho dato il premio e mi sono congratulato con lui”. Ma proprio contro il successo di Modric si è scagliato Chiellini.

Per il difensore della Juventus, il “furto” a Ronaldo è stato “lo scorso anno”, quando – è il pensiero consegnato dal capitano bianconero a Sky – il Real Madrid “ha deciso di non farglielo vincere”. “È stato palese. Modric non era nemmeno nel suo migliore anno”, ha commentato. “Quest’anno era invece difficile con Ronaldo, Messi e Van Dijk, è come scegliere tra Federer, Nadal e Djokovic… Se volevi premiare la Champions c’era Van Dijk, se volevi premiare il lavoro col club c’era Ronaldo – ha continuato Chieellini – Poi c’è Messi che fa sempre benissimo col suo Barcellona. Noi Cristiano ce lo teniamo stretto. Il Pallone d’Oro l’anno scorso, secondo la logica, lo avrebbe dovuto vincere Griezmann o Mbappé. Non vivrà il periodo migliore della sua carriera ma è importante per noi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giovanni Bertini morto a 68 anni. L’ex calciatore di Roma, Fiorentina, Ascoli e Benevento lottava da tempo contro la Sla

prev
Articolo Successivo

Kitikaka (Oronzo Canà edition) – 35 anni fa usciva L’allenatore nel pallone. Lino Banfi al Fatto.it: “Diritti? Mai preso un amato chezzo”

next