Lionel Messi conquista per la sesta volta il Pallone d’Oro, trofeo della rivista France Football. Dopo il 2009, 2010, 2011, 2012 e 2015, è arrivato pure quello del 2019 che consente al campione argentino di superare il portoghese Cristiano Ronaldo, fermo a 5, e ‘doppiare’ campioni come Michel Platini, gli olandesi Johan Cruijff e Marco van Basten, fermi a 3 trofei. Il numero 10 del Barcellona è stato premiato questa sera a Parigi: ha preceduto sul podio il difensore olandese del Liverpool Virgil van Dijk. Solo terzo posto per CR7, assente questa sera alla cerimonia. Quarto l’attaccante senegalese del Liverpool, Sadio Mané. Completano la top ten Mohamed Salah (Liverpool), Kylian Mbappé (Psg); Alisson Becker (Liverpool); Robert Lewandowski (Bayern Monaco); Bernardo Silva (Manchester City) e Riyad Mahrez (Manchester City).

“Volevo ringraziare tutti i giornalisti che hanno votato, tutti i miei compagni, il club e la Nazionale. Mi hanno fatto passare un anno grandioso al di là di aver vinto o perso le competizioni, siete parte di questo premio. Quando ho vinto a 22 anni il mio primo Pallone d’Oro era impensabile per me arrivare oggi ad ottenere il sesto trofeo, è molto diverso per la mia vita personale con mia moglie e i miei tre figli”, ha detto Messi dal palco del teatro di Parigi. “In tutto questo tempo non ho mai smesso di sognare, di migliore, di godermi il calcio, di fare quello che amo. Sono consapevole dell’eta che ho e si gustano ancora di più questi momenti. Il tempo vola, passa tutto rapidissimo, bisogna goderselo, grazie a tutti”, ha aggiunto Messi.

L’argentino nel 2019 ha conquistato solamente la Liga spagnola. Inoltre ha vinto la Scarpa d’Oro, essendo stato capocannoniere in campionato e pure in Champions League, dove però il suo Barcellona è stato eliminato dal Liverpool, poi campione d’Europa. I Reds infatti dominano la top ten con ben 4 giocatori presenti. Alisson ha vinto anche il premio come miglior portiere, mentre il difensore della Juventus De Ligt è stato premiato come miglior giovane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Razzismo, segna nel match di calcio juniores: il tabellino modificato con la parola ‘negro’

prev
Articolo Successivo

Giovanni Bertini morto a 68 anni. L’ex calciatore di Roma, Fiorentina, Ascoli e Benevento lottava da tempo contro la Sla

next