Lega in calo, Pd in ripresa dopo l’uscita dei renziani di Italia Viva e Fratelli d’Italia che per la prima volta supera la soglia del 10%. Sono i dati più significativi consegnati dai sondaggi realizzati da Ipsos per il Corriere della Sera. Rispetto al 31 ottobre, il Carroccio perde addirittura 2,4 punti percentuali, scendendo al 31,9% ma rimanendo saldamente primo partito. Anche per la leadership di Matteo Salvini non va meglio: in un solo mese perde 8 punti, passando dal 45% al 37% e venendo scavalcato al secondo posto da Giorgia Meloni che raccoglie il 40% dei consensi degli italiani.

Cresce di 0,9 punti, tornando vicino al risultato delle ultime elezioni dopo l’addio di Matteo Renzi, il Pd, che sale al 18,1% rimanendo secondo partito. Male il Movimento 5 Stelle (-1,3%), oggi al 16,6%, mentre sale oltre il 10% (al 10,6%) il partito di Giorgia Meloni. Seguono Forza Italia, costante al 6,2%, e Italia Viva, al 5,3%, in calo dello 0,9%. Così, la coalizione giallorossa al governo, al momento, ha il 34,7% dei consensi, in calo dello 0,4% rispetto a un mese fa.

Tra i leader più amati dagli italiani, in testa c’è sempre il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che comunque perde 6 punti percentuali passando dal 53% del 31 ottobre al 47% del 28 novembre. Chi scala una posizione, pur perdendo un punto percentuale, è Giorgia Meloni, al 40%, mentre crolla Matteo Salvini: -8% e 37% dei consensi. Gli unici in ascesa sono Teresa Bellanova, che passa dal 22% al 23%, e Roberto Speranza (dal 19% al 23%). Batosta anche per Luigi Di Maio e Matteo Renzi: entrambi perdono sei punti in un mese e si attestano rispettivamente al 18%, un solo punto in più di Berlusconi, e al 10%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il monologo di Crozza sull’istruzione: “Cambia di nuovo l’esame di maturità… erano almeno sei mesi che non lo cambiavano”

prev
Articolo Successivo

Mes, Calenda contro Di Maio e Salvini: “Scaricabarile indegno. Dove erano quando si è fatto il negoziato?”

next