I Fasciani sono un clan mafioso. Lo stabilisce la sentenza della seconda sezione penale della Corte di Cassazione che mette fine al processo bis nei confronti dei dieci imputati a a vario titolo per associazione mafiosa e altri reati aggravati dall’uso del metodo mafioso. La sentenza conferma in gran parte quella della Corte d’Appello di Roma del 4 febbraio scorso nei confronti del clan di Ostia.

Oltre 27 anni è la pena inflitta per il boss Carmine Fasciani, 12 anni e 5 mesi alla moglie Silvia Franca Bartoli, 11 anni e 4 mesi alla figlia Sabrina e 6 anni e dieci mesi all’altra figlia Azzurra. Il collegio della seconda sezione penale, presieduta da Giovanni Diotallevi, ha condannato anche Alessandro Fasciani, nipote di Carmine, a 10 anni e cinque mesi (con uno sconto di pena di un mese), Terenzio Fasciani (8 anni e mezzo), Riccardo Sibio (25 anni e mezzo), Luciano Bitti (13 anni e tre mesi), John Gilberto Colabella (13 anni) e Danilo Anselmi (7 anni). Ci sarà un nuovo processo, invece, per stabilire le pene per Mirko Mazzoni ed Eugenio Ferramo.

“È una sentenza storica – commenta la sindaca di Roma, Virginia Raggi – Per la prima volta viene affermato in modo chiaro che a Roma c’è stata e c’è la mafia. È importante perché per iniziare la cura bisogna riconoscere la malattia. Ostia può voltare pagina e alzare la testa”.

“È la prima volta che la Cassazione riconosce la mafia a Roma, non era mai accaduto, nemmeno ai tempi della banda della Magliana“, ha invece esultato l’avvocato Giulio Vasaturo di Libera, parte civile nel processo. “Segna un nuovo corso della giurisprudenza. Vengono riconosciute le mafie autoctone al centro e al nord. È una sentenza che farà scuola”, ha aggiunto il legale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Open, Bianchi: “Nessun archivio segreto”. Perquisito commercialista: nel suo studio di Firenze 5 società riferibili a Carrai

next
Articolo Successivo

Yara Gambirasio, la Corte d’assise autorizza la difesa di Massimo Bossetti a esaminare tutti i reperti d’indagine e la traccia di Dna

next