La fiducia delle famiglie italiane precipita proprio a ridosso delle feste natalizie. L’Istat ha rilevato a novembre un calo dell’indice del clima di fiducia dei consumatori, da 111,5 di ottobre a 108,5 punti. Si tratta del livello più basso dal 2017, che potrebbe essere stato condizionato dal dibattito sulla manovra con le polemiche sugli aumenti di tasse. Va un po’ meglio, invece, lato aziende, con l’indice composito del clima di fiducia delle imprese che registra un lieve aumento, da 98,9 a 99,1.

I consumatori sono in allarme. L’Unione Nazionale Consumatori parla di “dati choc” mentre “il crollo della fiducia dei consumatori è un pessimo segnale in vista del Natale”, afferma il Codacons, che teme effetti negativi sui consumi”. Dall’altra parte, anche i commercianti ritengono che il tonfo della fiducia sia attribuibile al “dibattito” sulla legge di bilancio. “La prolungata assenza di crescita potrebbe pesare sulle decisioni di investimento e di consumo anche per il prossimo futuro, frenando le già deboli possibilità di ripresa”, avverte Confcommercio che aggiunge che “in questo contesto anche le imprese non sembrano aspettarsi miglioramenti a breve”.

Se si guarda nel dettaglio ai dati dell’istituto statistico, la diminuzione dell’indice di fiducia dei consumatori è la sintesi di andamenti negativi di clima economico, clima corrente e il clima futuro, mentre fa eccezione il giudizio sulla situazione personale, che migliora leggermente. Tra le imprese, dall’industria emergono segnali di incertezza mentre per i servizi si registra una sostanziale stabilità degli indici di fiducia. L’indice diminuisce lievemente nel settore manifatturiero (da 99,5 a 98,9) e flette da 141,3 a 137,1 nelle costruzioni. “In controtendenza rispetto ai dati macro – commenta infine Confesercenti -, negativi da diversi mesi, a novembre si risveglia la preoccupazione delle famiglie italiane per la difficile congiuntura che il paese sta attraversando, con l’indice che diminuisce di ben 3 punti nel mese. Evidentemente si stanno manifestando gli effetti del forte rallentamento economico, in particolare sul mercato del lavoro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Industria, Istat: “A settembre fatturato in rialzo di 0,2% e ordini a +1% su agosto. Male l’auto, ma commesse estere in rialzo”

prev
Articolo Successivo

Popolare di Bari, confermate “interlocuzioni” con Mediocredito centrale e Fondo di tutela depositi. Titoli sospesi dalle negoziazioni

next