Tredici soldati francesi sono morti nello schianto accidentale tra due elicotteri in Mali. I militari, sei ufficiali, sei sottufficiali e un caporale, in Africa erano impegnati in un’operazione di contrasto ai miliziani jihadisti. A dare la notizia martedì mattina è stato il presidente francese Emmanuel Macron con una nota diffusa dall’Eliseo: “Il presidente della Repubblica ricorda con il massimo rispetto la memoria di questi soldati dell’esercito caduti in servizio e morti per la Francia nella dura lotta contro il terrorismo nel Sahel”.

Secondo quanto riporta il quotidiano Le Figaro, si tratta dell’episodio con più morti per la missione francese, nel territorio sub-sahariano dello Sahel dal 2013 con 4.500 soldati. Salgono dunque a 38 i militari francesi che hanno perso la vita in azione in Mali dall’inizio dell’operazione Serval. L’ultima vittima, prima dello scontro tra i due elicotteri, era stato il brigadiere Ronan Pointeau, 24 anni, morto il 2 novembre a causa dell’esplosione di un ordigno. Le Figaro inoltre ricorda il precedente incidente che ha coinvolto elicotteri francesi: risale al febbraio del 2018 quando due velivoli si sono scontrati in volo durante un’esercitazione a Var, a cinquanta chilometri da Saint-Tropez in Francia, causando cinque morti.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Balcani, dopo l’Albania scosse anche in Bosnia-Erzegovina (5.4) e Grecia (4.6)

next
Articolo Successivo

Daphne Caruana Galizia, a Malta si dimettono il capo di gabinetto e un ministro del governo Muscat

next