La bolla finanziaria legata alla liberalizzazione della cannabis in alcuni Stati degli Usa e poi in Canada è rapidamente scoppiata. Secondo Il Sole 24 Ore, rispetto ai picchi raggiunti nel settembre 2018 i titoli delle 50 maggiori società del settore hanno perso oltre il 66%, mandando “in fumo” quasi 30 miliardi di dollari di capitalizzazione. La canadese Tilray, quotata al Nasdaq, all’epoca valeva sul mercato quasi 20 miliardi di dollari e ora ne vale solo due. E ancora: Canapy growth è passata da 11,1 miliardi di capitalizzazione a 6,1 miliardi, Aurora cannabis è crollata da 8 a 2,7 miliardi.

I valori, sottolinea il quotidiano di Confindustria, sono così tornati alla normalità, ritracciando rispetto a valutazioni che erano fuori mercato. Le aziende del comparto infatti valevano oltre 10 volte il loro patrimonio e ben 64 volte i ricavi. Oggi i multipli si sono stabilizzati rispettivamente a quota 1,87 e 8,5 volte, livelli più ragionevoli anche se comunque a premio. Da notare che quasi tutte le società sono in perdita – nulla di strano in un mercato nascente e in rapida evoluzione – ma registrano crescite dei ricavi a tassi che arrivano al 250 per cento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto fiscale, meno multe per le indebite compensazioni. Bonafede: “Alleggeriremo le sanzioni per omesso versamento Iva”

next
Articolo Successivo

Fondo salva-Stati, Panetta (Bankitalia): “Italia non è Grecia”. Gentiloni: “Trattativa più che accettabile. Da polemica danni sui mercati”

next