Se realizzato nel modo giusto, l’arredamento della casa può aiutarci a essere più felici e a migliorare il nostro l’umore: come rilevato da un articolo di Immobiliare.it, la designer di interni Amy Brandhorst e la psicologa Eleftheria Karipidi hanno individuato una connessione tra arredo e benessere in casa. Scopriamo insieme quali sono i loro suggerimenti per dare vita ad ambienti domestici che trasmettano positività e serenità.

Tra luci, colori e materiali

La sensazione di calore e accoglienza tra le mura domestiche accrescerebbe in modo notevole negli ambienti capaci di richiamare il mondo esterno. Il punto di partenza è una corretta illuminazione:

  • valorizzare la luce naturale, in grado di trasmettere buonumore ed energia, con tende chiare per lasciare che i raggi solari entrino dalle ampie finestre e illuminino l’ambiente;
  • quando la luce del sole non basta, scegliere superfici riflettenti come specchi, vasi in vetro, tavoli in metallo;
  • al calare del sole, invece, è preferibile optare per luci soffuse, che contribuiscono a creare un ambiente più intimo.

Anche la scelta degli elementi di arredo ha la sua rilevanza: per infondere nell’ambiente una sensazione di serenità e calma è bene prediligere forme morbide e sferiche, che trasmettono equilibrio e tranquillità. E per quanto riguarda i colori? Meglio puntare sul blu, in particolare per la camera da letto: secondo gli esperti, questa tonalità sarebbe in grado di favorire il riposo notturno.

Un altro elemento cruciale per richiamare il contatto con la natura sono i materiali, tra i quali vanno privilegiati quelli naturali: legno, pietra e marmo sono indicati per pareti e pavimenti, mentre per i complementi d’arredo si può optare per lino, cotone e lana. Nella costruzione del proprio rifugio domestico non bisogna, infine, dimenticare i profumi, con aromi da selezionare in base alle preferenze degli abitanti della casa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comprare casa come investimento: quale quartiere conviene?

prev
Articolo Successivo

Nuda proprietà: ecco perché attira venditori e acquirenti

next