Che cos’è il mestiere del regista? Lo spiega Duccio Forzano nella settima “Loft Masterclass”, la lezione pubblicata in esclusiva su sito e app di Loft, dopo quelle di Antonio Padellaro e Silvia D’Onghia sulle fake news, di Andrea Scanzi sul giornalismo musicale, di Fabio Bucciarelli sul fotoreportage di guerra, di Natangelo sul mondo della satira, di Barbara Alberti sulla scrittura e di Andrea Pomella sull’autobiografia. “Regista non cinematografico, non televisivo, non teatrale, regista e basta” – racconta l’autore genovese – Il regista ha il diritto e il dovere di raccontare qualcosa che arrivi ai destinatari in modo fluido, con rispetto verso la completezza del contenuto che confeziona”. Regista di tutte e quattro le edizioni dello show di Fiorello Stasera pago io e di sei edizioni del Festival di Sanremo, Forzano ricorda i suoi esordi, sin da quando usava i matrimoni come palestra per imparare il mestiere: “Ho cominciato a fare regia televisiva a 37 anni: ricordo ancora quando ho scoperto la telecamera, una splendida magia, il mezzo che mi serviva per raccontare: ormai non vivevo più solo con i miei occhi, ma vedendo e riprendendo tutto attraverso l’obiettivo”. Ma il regista non è nulla senza la squadra: “Ogni elemento di un set televisivo è basilare”. E nemmeno senza lo studio: “Bisogna approfondire, rivolgersi ai grandi maestri e al loro esempio per trarre più insegnamenti possibili”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Travaglio: “Virginia Raggi ha diritto-dovere di fare un secondo mandato perché è onesta e competente”

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), Luigi Di Maio ospite di Scanzi, Sommi e Travaglio venerdì 15 novembre alle 22.45

next