Che siate professionisti degli eSport o semplici videogiocatori domestici in cerca della massima immersività, MSI ha quel che fa per voi, per quanto riguarda i monitor per computer. L’azienda taiwanese infatti ha annunciato oggi la nuova famiglia Optix, formata da sei diversi modelli, tutti da 27 pollici, alcuni con superficie curva altri piatta, ma tutti caratterizzati da prestazioni notevoli.

La gamma è composta da tre monitor curvi e altrettanti piatti, di cui quattro con risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel) e due con risoluzione 2K (2560 x 1440 pixel), tutti come detto con diagonale da 27 pollici. I due modelli base sono il MAG272 e il MAG272C (il secondo con display curvo), in grado di offrire risoluzione Full HD e una risposta di 1ms a una frequenza di aggiornamento di 165 Hz, così da offrire sempre massima reattività ai comandi ed eliminare o comunque attenuare fortemente lag e problemi di rendering.

A seguire troviamo poi i due modelli intermedi, con schermo piatto (MAG272R) e curvo (MAG272CR) che offrono la stessa scheda tecnica dei due modelli di base, ma hanno in più una striscia di LED RGB sulla parte posteriore, sincronizzabile con i giochi in esecuzione grazie al software MSI Mystic Light, per una nota di colore che non guasta mai.

Infine troviamo i due modelli top di gamma, MAG272QP (flat) e MAG272CQR (curvo), entrambi caratterizzati da risoluzione 2K, tempo di risposta di 1ms e frequenza di aggiornamento di 165 Hz. A queste differenze se ne aggiungono poi altre che riguardano lo spazio colore. I due modelli curvi di fascia bassa e media (MAG272C e MAG272CR) offrono infatti una copertura dello spazio colore sRGB del 120% e del 90% per quello DCI-P3, mentre i due equivalenti con schermo piatto (MAG272 e MAG272R) raggiungono uno spazio del 122% sRGB e del 96% DCI-P3. I due monitor 2K infine raggiungono rispettivamente uno spazio colore del 120% sRGB e del 92% DCI-P3 (MAG272CQR), e del 124% sRGB e 96/ DCI-P3 (MAG272QP).

Chiudiamo con il parco porte e connessioni, che cambia, seppur di poco, tra i modelli FHD e 2K. Su tutti e sei i monitor troviamo infatti una DisplayPort 1.2, due HDMI 2.0, una USB Type C ed un’uscita per cuffie con jack da 3,5 mm. A queste, nel caso dei modelli FHD si aggiungono poi 2 porte USB 2.0 e una 3.0, mentre i monitor 4K offrono in più due USB 3.2 Gen1 Type-A e 3.2 Gen1 Type-B.

Non mancano poi le tecnologie tipiche di MSI, come Flicker Free, che attenua i problemi di sfarfallio del video, Night Vision che garantisce invece una visione ottimale anche negli ambienti più scuri, e eGaming OSD app, che permette di regolare tutte le impostazioni del monitor da software senza la necessità di accedere al menu OSD.

I primi monitor della nuova famiglia MSI Optix a raggiungere il mercato a partire dal prossimo mese di dicembre saranno il MAG272C ed il MAG272, al prezzo rispettivamente di 299 e 329 euro, a cui seguirà poi a gennaio 2020 il MAG272CQR, al prezzo di 449 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smart TV Sony 4K HDR finalmente compatibili con l’interfaccia vocale Alexa

prev
Articolo Successivo

Apple LISA, su Youtube il documentario che racconta i fallimenti iniziali prima della gloria

next