Italia Viva, come annunciato negli scorsi giorni prima da Matteo Renzi e poi da Raffaella Paita, prima firmataria, ha presentato un emendamento al decreto fiscale per ripristinare lo scudo penale ad ArcelorMittal per lo stabilimento di Taranto. “Lo facciamo per togliere qualsiasi alibi all’azienda, ma condividiamo con il presidente del Consiglio che non è lo scudo che consente a Mittal di recedere dal contratto” afferma Gennaro Migliore. Eppure proprio il presidente Conte ha ricordato nell’intervista a Il Fatto Quotidiano di essere stato lui per primo a proporlo al colosso indiano che lo ha rifiutato. Allora perché riproporlo? “È un emendamento che sarà proposto al vaglio della maggioranza. È un elemento su cui discutere”. Insomma Italia Viva tira dritto, nonostante sia stato proprio Conte a dire che iniziative di questo genere indeboliscono il governo in quella che sarà, come ha annunciato, “una dura battaglia legale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, Landini: ‘Nazionalizzare? Utile presenza pubblica, accordo con Arcelor va fatto rispettare’

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, i commissari al Tribunale di Milano: “Assenza scudo non concede il recesso”. Italia Viva presenta emendamento per reinserirlo

next