Grazie a una base mondiale composta da oltre 1 miliardo di utenti, WhatsApp è diventato negli anni il luogo deputato per scambiare messaggi veloci e tenersi in contatto con parenti e amici. Purtroppo però la sua diffusione rappresenta anche una ghiotta occasione per hacker, truffatori e diffusori di fake news, che lo utilizzano per trasmettere messaggi di spam e link verso siti truffa. Almeno fino ad oggi. In queste ore è infatti in via di attivazione una nuova opzione della privacy, disponibile sia per iOS che Android, che consente di impedire selettivamente a determinati contatti di aggiungerci a dei gruppi.

Il funzionamento è piuttosto semplice. Fino a ieri era possibile per chiunque aggiungerci in un gruppo senza il nostro volere e in questo modo diffondere i propri contenuti pericolosi, mentre ora questa cosa sarà più difficile.

Anzitutto recatevi in Impostazioni/Account/Privacy/Gruppi per visualizzare le impostazioni disponibili. Se selezionerete “Tutti”, non cambierà nulla e chiunque potrà aggiungervi a una chat di gruppo. Selezionando invece “I miei contatti” potrete essere aggiunti a un gruppo soltanto dalle persone presenti nella vostra rubrica.

La novità sta nell’ultima opzione, chiamata “I miei contatti tranne”, che va a sostituire la precedente voce “Nessuno”, rispetto alla quale consente di impedire solo a determinati contatti di essere in grado di aggiungervi a una chat, anche se ovviamente sarà ancora possibile impedirlo a tutti semplicemente spuntando questa opzione e poi selezionando tutti i propri contatti. ‎La nuova opzione per la privacy è già disponibile ma la sua implementazione è ovviamente progressiva, quindi se non la vedete ancora riprovate tra qualche giorno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

James Dean rivivrà in un film sulla guerra del Vietnam grazie alla computer grafica

prev
Articolo Successivo

La nuova linea di notebook ultraleggeri LG Gram arriva in Italia

next