“Stiamo vivendo un momento storico e abbiamo un’occasione irripetibile: un governo progressista può e deve sincronizzare l’Italia sull’orologio delle nazioni più progredite, che da anni hanno già fatto quello che io provo a proporre. A partire da un finanziamento importante, continuo e puntuale a ricerca, università e scuola”. Così il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, che lancia un ultimatum dalle pagine di Repubblica: “Non cedo. Voglio i 3 miliardi per la scuola o lascio il posto a un altro”. La manovra, e i fondi previsti ai settori del suo ministero, lo lasciano insoddisfatto: “Dopo una serie di esecutivi che hanno tagliato sull’istruzione, non mi posso accontentare di un governo che smette di prelevare soldi al Miur. Bisogna investire con forza”.

Nell’intervista rilasciata al quotidiano romano il ministro accusa i limiti e vincoli previsti per la ricerca, fra cui le spese per il personale: nella bozza della Finanziaria, all’articolo 29, vengono limitate al 70% del totale. Colpa, secondo Fioramonti, delle “manine burocratiche”. E sull’Agenzia nazionale per la ricerca, prevista dall’articolo 28 della Legge di Bilancio, il ministro precisa che dovrà essere “fondata su un profondo confronto con il mondo della scienza”: la sua istituzione ha già destato polemiche fra gli scienziati per il forte peso avuto dalla politica nella nomina dei suoi membri.

E la plastic tax? “Le industrie plastiche se non cambiano modo di produrre tra due anni chiuderanno”. In generale, dice, “mettere piccole tasse di scopo che invoglino le aziende a migliorarsi e spingano le famiglie a rivedere le abitudini sbagliate sono un piccolo prezzo da pagare oggi per avere minori costi”. E aggiunge che “se questo serve per girare risorse alla questione più importante di una comunità, cioè la conoscenza dei giovani, dobbiamo convincere il nostro Paese che siamo nella direzione giusta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arresto Nicosia, Faggi (Lega) vs Faraone (Iv): “Senato infiltrato dalla mafia?”. “Guardi alla sua destra, c’è Armando Siri. Vergognatevi”

next
Articolo Successivo

La sinistra in Occidente è finita? Forse qualche segnale di rinascita c’è

next