Il 2019 si chiude con un rincaro delle bollette di luce e gas: come rilevato da un articolo di Immobiliare.it, a partire dal 1° ottobre si è infatti registrato un aumento per entrambe le forniture, rispettivamente del 2,6% e del 3,9%, che ha riguardato però solamente i clienti in tutela.

Lo ha comunicato l’Arera (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente), che ha preso in considerazione i consumi di una famiglia tipo: 2.700 kWh di energia elettrica all’anno, con una potenza impegnata di 3kW, unita a 1.400 metri cubi di gas.

A crescere è stata soprattutto la componente a copertura della spesa per la materia prima dell’elettricità: l’incremento è stato del 3,2%, controbilanciato in parte da una riduzione dei costi per gli oneri generali (-0,6%). Ed è sempre la materia prima, il cui costo è cresciuto del 3,8%, una delle ragioni dell’aumento della bolletta del gas: questo per via delle variazioni nelle quotazioni stagionali nei mercati all’ingrosso e del leggero rincaro dei costi di trasporto (+0,1%).

Ma veniamo ora ai portafogli delle famiglie: nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2019 la spesa complessiva per l’elettricità di un nucleo familiare-tipo sarà di circa 559 euro, mentre per il gas si arriverà a quota 1.107 euro. A conti fatti, il cliente in tutela avrà costi totali non troppo dissimili rispetto a quelli dello scorso anno, con un rialzo di circa l’1%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facciata termoattiva: come funziona e quali vantaggi porta

prev
Articolo Successivo

Comprare casa come investimento: quale quartiere conviene?

next