Scontro rovente a Non è l’arena (La7) tra il deputato del Gruppo Misto, Vittorio Sgarbi, e Peter Gomez, direttore de ilfattoquotidiano.it e Fq Millennium.

Il critico d’arte attacca Gomez, intervenendo in difesa della vicedirettrice generale dell’Istituto Bruno Leoni, Serena Sileoni, secondo cui in Italia ‘non c’è giuridicamente democrazia’: “Lo Stato in cui crede Gomez non è uno Stato democratico. Chi ha eletto Conte? Chi ha eletto Di Maio? Li ha eletti Grillo. Vergognatevi di parlare di democrazia. Democrazia non c’è. Stato non c’è. Croce diceva che il vero politico onesto è il politico capace. E’ uno Stato criminale con gente che va al governo senza essere eletta. E prendono 20mila euro al mese. Si vergognino. Gomez mente: lo Stato non c’è. Ditemi chi ha eletto Conte. E’ uno Stato di ladri”.

Gomez replica: “Ci sono i fatti che sono più tenaci delle urla di Vittorio Sgarbi. A noi cittadini è stata tolta la possibilità di scegliere i parlamentari con il Porcellum, legge elettorale votata dal centrodestra. E l’ultima legge elettorale che non permette di scegliere chi viene eletto in Parlamento è stata votata anche da Forza Italia“.

Sgarbi si infuria nuovamente, rivendicando di appartenere al Gruppo Misto e di non aver mai votato il Porcellum. In realtà il critico d’arte è stato rieletto a Montecitorio per la quinta volta grazie alla candidatura di Forza Italia. Sgarbi correva nel collegio uninominale Campania 1, ma era stato battuto nettamente (65 per cento contro il 19) proprio da Di Maio. Il critico e opinionista poi è stato ripescato grazie al listino bloccato nel collegio di Modena, quindi grazie al risultato proporzionale di Forza italia in quella zona.

Tra le urla del critico d’arte, infine, Gomez commenta: “Quella di Sgarbi è una vecchia tecnica dialettica: quando non puoi attaccare il ragionamento, attacchi il ragionatore“.

Sgarbi ribatte, ripetendo il precedente mantra: “Non mi hai detto chi ha eletto Conte. Vergognati. Dimmi chi ha eletto Conte“. Gomez risponde: “E’ stato lei a eleggere Conte dando la fiducia al governo Conte Uno“. “Sì, per prenderli per il culo, perché mi fanno schifo”, si difende Sgarbi. “Quindi, il Conte lo ha eletto lei mentre stava in Parlamento”, ribadisce il giornalista. E Sgarbi si stizzisce ulteriormente: “Ipocrita, mi dai anche del ‘lei’. Vai a fare….! Sei un ipocrita, un puro ipocrita”. “Do del lei a chi mi insulta – controbatte Gomez – perché non voglio abbassarmi al livello di chi usa il turpiloquio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Commissione Segre, Borgonovo vs Gruber: “Senatrice non ha mai letto insulti contro di lei. Non è sui social”. “Ma cosa c’entra?”

prev
Articolo Successivo

Ex Ilva, Costamagna vs Calenda: “Per lei le persone contano zero”. “Ma non fare populismo d’accatto, va’ a farti un giro”

next