La Lega resta il primo partito, seguita a una decina di punti di distacco da M5s e Pd. Si amplia il seppur esiguo vantaggio di Fratelli d’Italia su Forza Italia, mentre Italia Viva perde mezzo punto nella settimana della Leopolda. Sono i risultati dell’ultimo sondaggio realizzato da Ixè per Carta Bianca, il programma di approfondimento condotto da Bianca Berlinguer su Raitre.

Nelle intenzioni di voto degli italiani il Carroccio formato nazionale di Matteo Salvini il 22 ottobre si attestava al 30,5%, in calo dello 0,2% rispetto alla settimana precedente. Sul podio anche il Movimento 5 stelle, che cresce dal 19,7% al 20,8%, e il Partito democratico, in calo dal 20,4% al 19,8%.

I Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni sono a quota 8,7% (in rialzo di mezzo punto rispetto al 15 ottobre), in vantaggio dello 0,6% sugli azzurri di Silvio Berlusconi all’8,1%, laddove la scorsa settimana il vantaggio della formazione dell’ex ministro della Gioventù era di 0,4 punti. Cala il partito fondato da Matteo Renzi, che passa dal 4% registrato il 15 ottobre al 3,5% del 22 ottobre. In mezzo alla stazione Leopolda di Firenze si è celebrata la decima edizione della kermesse fondativa del renzismo.

Nella fiducia verso i leader politici, Giuseppe Conte guida la classifica con il 43% seguito da Salvini (34%), Meloni (31%), Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti appaiati al 25%, Berlusconi (21%) e Renzi (12%).

Ancora riguardo alle intenzioni di voto, anche sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, su Raitre, vede la Lega in testa alle preferenze degli italiani: se si votasse oggi il Carroccio sarebbe il primo partito con il 33,6%, davanti al Pd al 19,4 e al M5S al 17,5%. Poi Fratelli D’Italia all’8,2%, seguita da Forza Italia con il 7,0%. Per EMG Acqua Italia Viva è al 4,3%, con Più Europa al 2,2% e La Sinistra 2,1%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Russiagate, Conte: “Ricostruzioni fantasiose che gettano ombre su istituzioni. Agito nel rispetto della legge, nostri servizi estranei”

next
Articolo Successivo

Manovra, Di Maio: “Stiamo lavorando a un evento in Umbria con Conte, Zingaretti e Speranza per spiegare i dettagli”

next