Una passeggiata spaziale tutta al femminile. Per la prima volta da quando l’uomo ha messo piede nello spazio un team di sole donne si è avventurato fuori dalla Stazione spaziale internazionale (Iss), comandata dall’italiano Luca Parmitano, per sostituire un elemento delle batterie che è andato in avaria nel fine settimana scorso: l’operazione è scattata venerdì mattina attorno le 11.30 e prevede almeno cinque ore di lavoro. A entrare nella storia sono le due astronaute statunitensi Christina Koch e Jessica Meir. Quest’ultima il giorno prima della missione aveva promesso su Twitter: “Foto spettacolari una volta che passeremo attraverso il portello”.


La prima uscita di due astronaute donne era stata programmata già a marzo, ma la Nasa era stata costretta ad annullarla quattro giorni prima a causa di un problema con le tute spaziali. Sette mesi dopo, però, arriva l’occasione giusta. Ad assistere le due astronaute nell’impresa c’è il comandante dell’equipaggio Parmitano e l’ingegnere di volo della Nasa, Andrew Morgan: il primo controlla il braccio robotico, mentre il secondo fornisce un supporto durante l’uscita e l’entrata. Secondo il programma della Nasa, occorreranno 10 passeggiate spaziali in tre mesi per sostituire le batterie dei pannelli solari della stazione orbitale e a riparare il rilevatore di raggi cosmici.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, si può dire no all’apertura di un conto in banca senza carta d’identità? Ad Alou è successo

next
Articolo Successivo

Modena, assiste da sei anni la madre invalida ma non può iscriversi alla Magistrale per voto di laurea: lanciata petizione su Change.org

next