Una telefonata durata oltre un’ora in cui non sono mancati momenti di forte tensione: il premier Giuseppe Conte ha avuto un colloquio con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nel quale ha ribadito che l’Italia ritiene “inaccettabile” l’azione militare avviata nel nord della Siria. E ha più volte invitato il capo di Ankara a interrompere questa iniziativa militare che ha effetti negativi sulla popolazione civile. Conte, durante la telefonata, ha infatti rimarcato che “la protezione della popolazione civile, già duramente provata da anni di conflitto, e la risoluzione dei conflitti sono priorità irrinunciabili per l’Italia e per l’intera Comunità internazionale”.

Il colloquio con Erdogan arriva dopo che mercoledì il presidente del Consiglio aveva già annunciato di voler andare oltre il blocco della vendita di armi alla Turchia. E aveva esortato gli altri Paesi a fare lo stesso: “Tutte le iniziative che porteranno la Turchia a rinunciare all’opzione militare noi le metteremo in campo e l’Italia sarà capofila in questa direzione”. Una richiesta, quella di interrompere l’incursione militare e ritirare immediatamente le truppe, che Conte ha ribadito più volte al leader turco. Proprio in queste occasioni, rivelano fonti di Palazzo Chigi, la discussione ha vissuto momenti di tensione.

Conte ha ricordato a Erdogan anche il suo dovere di “svolgere con responsabilità il ruolo geopolitico e di alleato Nato che la Turchia strategicamente detiene, nell’interesse collettivo di stabilizzazione dell’intera regione”. In una nota di Palazzo Chigi viene infine sottolineato che “il Presidente del Consiglio ha rappresentato questa unitaria posizione del governo, delle forze politiche con cui ieri si è confrontato durante il suo passaggio alle Camere e dell’opinione pubblica italiana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, i curdi chiedono corridoi umanitari per i civili e accusano la Turchia: “Ha usato fosforo e napalm”. Ankara smentisce: “Mai fatto”

prev
Articolo Successivo

Siria, nelle fosse comuni della capitale del Califfato: “Vittime di esecuzioni di massa dell’Isis ma anche dei bombardamenti americani”

next