Momento positivo sul fronte dei mutui: la decisione della Bce di lanciare un nuovo piano di quantitative easing potrebbe infatti stimolare la richiesta di prestiti alle banche. Secondo quanto riportato da un articolo di Immobiliare.it, gli esperti prevedono condizioni favorevoli sia per chi è intenzionato ad accendere un finanziamento, sia per chi ne ha già uno attivo e desidera procedere con una surroga.

Come surrogare un mutuo

La soluzione della surroga può essere conveniente per due ragioni: da un lato per rinegoziare le condizioni del proprio finanziamento, spostandolo in un altro istituto di credito che offra condizioni migliori dal punto di vista dei tassi di interesse, dall’altro per ridurne la durata.

La prima cosa da fare è un’attenta valutazione delle offerte presenti sul mercato: chi intende surrogare il proprio mutuo dovrà prendere in considerazione soprattutto il Taeg, essenziale per misurare costi e interessi che tale operazione potrebbe comportare al cliente.

Una volta individuato un prodotto più conveniente, si dovrà comunicare alla banca che si intende procedere con la surroga: l’istituto potrà scegliere se offrire una rinegoziazione del finanziamento in corso oppure mantenere invariato il tasso. In questo caso il cliente potrà avviare la pratica di richiesta di surroga presso una seconda banca.

È importante ricordare che l’istituto di credito con cui si intende sottoscrivere il nuovo contratto potrebbe richiedere l’apertura di un conto corrente come condizione base per accettare la richiesta di surroga. Tale procedura potrebbe incidere sul Taeg, quindi sui costi totali: è opportuno, dunque, valutare nuovamente tutte le condizioni prima di prendere la decisione definitiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ristrutturazioni: sconto sul prezzo o cessione della detrazione?

prev
Articolo Successivo

Mutui verdi: banche italiane in prima fila nel progetto europeo

next