Roberto Zaccaria racconta la Rai e la sua evoluzione negli anni nel libro Rai. Il diritto e il rovescio che verrà presentato lunedì 14 ottobre alla Feltrinelli di piazza duomo a Milano alle 18.30. Presenti con l’autore il direttore del fattoquotidiano.it Peter Gomez e il professore Giulio Enea Vigevani. Nel libro Zaccaria, presidente Rai dal 1998 al 2002 dopo esserne stato consigliere per sedici anni, svela i conflitti interni, la concorrenza seguita alla fine del monopolio, il bilancio stretto tra canone e gettito pubblicitario. E poi il passaggio dall’analogico al digitale, dalla tv generalista ai canali innovativi, fino alla progressiva trasformazione dell’informazione a opera delle tecniche di marketing. Insomma, un mix di passione, polemica, competenza e documentazione.

Sullo sfondo il problema di sempre: tra la Scilla dei vincoli giuridici posti al servizio pubblico dal diritto italiano e comunitario e la Cariddi dei complessi rapporti con la politica, passano il rispetto del mandato di servizio pubblico, le economie obbligate della prima azienda culturale del Paese e le inesauribili sfide poste dalla continua innovazione tecnologica e di contenuti.

Roberto Zaccaria è professore ordinario di Diritto costituzionale all’Università di Firenze. Oltre a consigliere e presidente Rai è stato vicepresidente dell’Uer (Unione delle televisioni pubbliche europee) dal 2000 al 2002. Tante le sue pubblicazioni: in particolare dedicate ai temi delle libertà costituzionali e del diritto dell’informazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Benedetti, guerra per Repubblica: il padre fa un’offerta ma i figli rifiutano. Il primogenito Rodolfo: “Sconcertato da mio padre”

next
Articolo Successivo

De Benedetti: “Riprendo ‘Repubblica’ per donarla a una Fondazione. I miei figli non la amano, almeno smettano di distruggerla”

next