Costringevano i loro dipendenti a fare turni di lavoro tra le 10 e le 18 ore giornaliere, senza alcuno straordinario pagato. Non solo: non gli concedevano mai giorni di ferie consecutivi e li facevano dormire in giacigli di fortuna ricavati dentro alcuni container posti dietro i capannoni dell’azienda. Per questo i carabinieri di Mantova hanno arrestato due imprenditori di 53 e 58 anni, incastrati anche da alcune intercettazioni telefoniche in cui definivano i loro dipendenti “macchine da lavoro”, come riferisce il Corriere della sera. L’accusa nei loro confronti è di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Dalle indagini dei carabinieri, coordinate dalla Procura di Mantova, è emerso che i dipendenti erano tutti assunti con contratti regolari per lavorare nella rete di società fittizie dei due imprenditori nel settore dell’imballaggio ma venivano trattati come schiavi. Si tratta per lo più pakistani, indiani, romeni, marocchini e qualche italiano che i due imprenditori sfruttavano facendo leva sulla loro impellente necessità di un’occupazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Molestava ragazzine al campus di pallavolo”: sospeso allenatore. “È entrato nelle loro camere di notte e le ha palpeggiate”

prev
Articolo Successivo

Italia 5 stelle, urla contro i giornalisti all’arrivo di Virginia Raggi. Attivisti alla Iena Filippo Roma: “Venduto”

next