Microsoft ha annunciato che il prossimo aggiornamento di Windows 10 (20H1) aggiungerà il supporto per le chiamate all’app Il tuo telefono su Windows 10. È il frutto di un lavoro partito tempo fa. Qualcuno ricorderà che con l’aggiornamento di questa estate, Microsoft aveva implementato la capacità dell’app di riportare sul PC i messaggi di testo e le notifiche degli smartphone Android. L’app è disponibile sullo store ufficiale nella categoria Produttività.

Chi non l’ha ancora installata potrebbe farlo subito dopo l’installazione del prossimo aggiornamento di Windows 10, perché di fatto diventerà molto più utile di adesso. Permetterà a tutti gli utenti di smartphone Android 7 o successivo di gestire anche le telefonate dal PC. Al momento gli Insider stanno svolgendo i test, e stando a quanto diffuso dal blog di Microsoft la funzione di chiamata consentirà di effettuare molte operazioni.

Si potrà rispondere alle chiamate in arrivo direttamente dal PC, avviare telefonate dal PC utilizzando il dialer all’interno dell’app o l’elenco dei contatti. Si potranno inoltre rifiutare le chiamate in arrivo sul PC inviando un testo personalizzato (ad esempio “sono in riunione”) o deviarle direttamente alla casella vocale del telefono. Inoltre gli utenti potranno accedere alla cronologia delle chiamate recenti sul PC, ricomporre numeri già selezionati e trasferire senza problemi le chiamate tra PC e telefono.

Oltre allo smartphone con Android 7, per utilizzare la funzione è requisito fondamentale disporre di un PC con Windows 10 build 10H1 e supporto Bluetooth. Da notare che la possibilità di sfruttare questa funzione è preclusa agli utenti iPhone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Notebook HP Spectre x360 13 in Italia da dicembre con prezzi a partire da 1.350 euro

prev
Articolo Successivo

Twitter ha usato i dati dell’autenticazione a due fattori per rimpolpare le liste marketing

next