“Ditemi come può una colazione essere golosa e leggera allo stesso tempo, oppure… musica Napoli!”. Buondì Motta colpisce ancora. Sta facendo discutere il nuovo spot pubblicitario della storica merendina che ironizza sulla musica neomelodica. Nel video, che sta andando in onda da qualche giorno in tv, si vede infatti la classica famigliola felice seduta a tavola in una mattina soleggiata pronta per fare colazione. I quattro – madre, padre e due figli, un maschio e una femmina – non sembrano essere però molto affiatati e si ritrovano a litigare con l’intelligenza artificiale dell’assistente vocale appoggiato con loro sul tavolo, di nome Enza, che continua a chiedere loro: “Come fa una colazione a essere golosa e leggera allo stesso tempo?”.

Non ottenendo risposta, Enza li “minaccia”: “Ditemi come può una colazione a essere golosa e leggera allo stesso tempo, oppure… musica Napoli!”. E naturalmente parte subito una canzone neomelodica che fa divertire i bambini e indispettire mamma e papà. “Buondì Motta, la colazione golosa e leggera a prova di deficienza artificiale“, è il claim con cui si conclude lo spot.

Lo spot non è piaciuto affatto a molti napoletani, che hanno scatenato le polemiche sui social, facendo notare sui profili dell’azienda come il messaggio trasmesso “offende Napoli” e che “questa musica non rappresenta Napoli“. Non si è fatta attendere la replica dell’azienda: “Non volevamo offendere i napoletani ma solo strappare un sorriso”, si è giustificata sui social. Già qualche mese fa Buondì Motta era finita nel mirino delle critiche per un altro suo spot pubblicitario, in cui si vedeva un meteorite colpire e disintegrare prima una mamma e poi anche un papà davanti allo sguardo esterrefatto della figlia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alessandra Mussolini bacia Vittorio Sgarbi in diretta tv e Barbara D’Urso le fa notare: “Ti è uscita una tetta”

prev
Articolo Successivo

Angelina Jolie: “Dopo il divorzio da Brad Pitt mi sono sentita persa”

next