Dicembre 2016, settimana di Natale. Per tre giorni Il Fatto Quotidiano apre il giornale con altrettanti scoop di Marco Lillo. “Inchiesta a Napoli su un affare miliardario della Consip”, “Indagato il comandante dell’Arma”, “Indagato Lotti”: le notizie sono il punto di partenza di una vicenda che diventerà centrale nelle cronache politiche e giudiziarie dei successivi tre anni. Tutto nasce dai pm di Napoli che indagano su un dirigente della Consip – la centrale acquisti della pubblica amministrazione – accusato di aver favorito le società riconducibili all’imprenditore Alfredo Romeo in cambio di somme di denaro versate in contanti dallo stesso Romeo. È solo il primo filone d’inchiesta, il punto di partenza di un’indagine che si allarga, riserva colpi di scena ogni giorno e che tocca i massimi vertici della politica italiana: per i pm ci sono state fughe di notizie, spuntano i nomi di indagati eccellenti, dai generali dei carabinieri Del Sette e Saltalamacchia fino al ministro dello Sport Luca Lotti, da sempre considerato braccio destro dell’ex premier Matteo Renzi. Il cui padre, Tiziano, finisce iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di traffico di influenze. Altri personaggi entrano ed escono dall’inchiesta, la vicenda inevitabilmente approda in Parlamento,bollata dai renziani come un complotto contro il leader e la sua famiglia. A distanza di tre anni, il 3 ottobre 2019, ecco il punto fermo da cui far ripartire tutto: Lotti, Saltalamacchia e Vannoni sono rinviati a giudizio per favoreggiamento, Del Sette per rivelazione di segreto, Carlo Russo per millantato credito. La fine della vicenda Consip, quindi, la scriverà un processo. Per ora, invece, ecco la storia per punti dell’inchiesta.

21 dicembre 2016 – A Napoli si indaga su Consip
A metà dicembre, la procura di Napoli ha disposto una perquisizione nella abitazione e negli uffici di Marco Gasparri, dirigente della centrale acquisti Consip. Il dirigente e Alfredo Romeo hanno ricevuto avvisi di garanzia per le ipotesi di reato di associazione per delinquere e corruzione in concorso con altre persone. La perquisizione è stata disposta dal pm della Dda di Napoli Henry John Woodcock. Si tratta di un filone di indagine scaturito da una serie di intercettazioni nell’ambito di una più estesa indagine su presunte irregolarità nell’assegnazione degli appalti alle società che fanno capo a Romeo. Secondo lo scenario prospettato dagli inquirenti, il dirigente Consip si sarebbe attivato per avvantaggiare Romeo, fornendo in cambio di presunte tangenti notizie riservate che avrebbero favorito la formazione di cartelli di imprese, con bandi cuciti su misura. Una ipotesi che gli inquirenti intendono verificare attraverso una serie di accertamenti, tra i quali la ricerca di documentazione che ha portato alla perquisizione eseguita dai carabinieri del Noe di Roma e dai militari del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Napoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fondi russi, Riesame su Savoini: “Audio al Metropol ammissibile. Emerge in maniera nitida che parte dei soldi fosse per la Lega”

prev
Articolo Successivo

Alpi-Hrovatin, il gip di Roma respinge archiviazione: “Lati oscuri ed errori giudiziari. Indagare ancora”

next