“Chi è che ti aiuta?” “Sono arrivato molto in alto“. Tra gli atti dell’inchiesta Consip spicca una conversazione, in mano ai pm Paolo Ielo e Marco Palazzi e riportata da Il Messaggero, tra Marco Gasparri, direttore Sourcing Servizi e Utility di Consip, e Alfredo Romeo. Un dialogo che, secondo gli inquirenti, conferma come l’imprenditore di origini campane ritenesse di aver trovato il canale giusto per arrivare all’allora premier Matteo Renzi. Romeo è stato arrestato dalla Procura di Roma con l’accusa di corruzione nell’ambito dell’inchiesta sulla società del ministero del Tesoro che si occupa di controllare e gestire gli appalti per il pubblico. L’episodio contestato all’imprenditore è quello della presunta corruzione (per funzione) proprio di Gasparri, colui che in pratica dirige il settore che si occupa delle gare per l’acquisto dei servizi per tutte le amministrazioni.

Romeo, leader delle aziende di ‘facility managment’ che si è sempre occupato di servizi nei palazzi della pubblica amministrazione, puntava in particolare a inserirsi in una gara da 2,7 miliardi di euro, divisa in lotti, ed era effettivamente in pole per un bando da quasi 700 milioni. Proprio per questo, come è stato ricostruito agli atti, contatta il funzionario Gasparri. “Sono arrivato molto in alto”, afferma Romeo nella conversazione riportata da Il Messaggero. “In alto quanto? Ma chi è il Papa? Un contatto in Vaticano?”, chiede Gasparri. “Meglio“, è la risposta. “Ma chi è? Renzi?”, chiede a quel punto l’architetto. Romeo non risponde.

Questo dialogo viene considerato dagli inquirenti, spiega il quotidiano romano, un tassello importante per ricostruire i rapporti che collegano Romeo a Carlo Russo, il giovane imprenditore di Rignano sull’Arno, e quest’ultimo a Tiziano Renzi. Il padre di Matteo è atteso in procura per venerdì. Nell’ambito dell’inchiesta Consip, svelata dal Fatto Quotidiano il 22 dicembre, è indagato per traffico di influenze. Oltre a lui, sono stati iscritti nel registro degli indagati, seppur con ipotesi di reato diverse, il ministro dello Sport Luca Lotti, il generale Tullio Del Sette (comandante dei carabinieri) e il generale Emanuele Saltalamacchia (comandante dei carabinieri della Toscana).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mani Pulite, Davigo: “L’Italia 25 anni dopo? Si è rassegnata e assuefatta. Politica non ha preso le distanze dai corrotti”

prev
Articolo Successivo

Dj Fabo, Marco Cappato indagato. “Da me solo aiuto, non istigazione al suicidio”

next