L’onda verde degli ambientalisti arriva anche a teatro: la Royal Shakespeare Company è stata costretta dalle mobilitazioni studentesche a chiudere i rapporti con lo sponsor Bp, alias British Petroleum, gigante dell’industria petrolifera. Una collaborazione che dura da otto anni e che si interromperà alla fine del 2019, con più di due anni di anticipo rispetto a quanto previsto.

Le proteste andavano avanti da mesi e hanno raggiunto il culmine in occasione degli scioperi delle settimane scorse, organizzati in tutto il mondo dagli attivisti che si ispirano a Greta Thunberg. I ragazzi hanno scritto una lettera aperta alla compagnia teatrale chiedendo alle scuole di sospendere le gite scolastiche lì indirizzate: “Vi scriviamo perché i vostri biglietti scontati a 5 sterline e destinati ai giovani dai 16 ai 25 anni sono sponsorizzati dalla compagnia Bp. Questo significa che noi ragazzi se vogliamo vedere nel vostro teatro uno spettacolo a un prezzo per noi abbordabile dobbiamo per forza aiutarvi a promuovere un’azienda che sta distruggendo il nostro futuro, colpendo il clima”. Non basta: “Potete essere certi che se continuate ad accettare i fondi dalla Bp verremo a Stratford-upon-Avon (la città di Shakespeare) non per vedere uno spettacolo, ma per inscenare qualcosa noi stessi”.

Parole che hanno convinto la compagnia, la cui risposta è arrivata presto. La decisione è stata presa in seguito a “un dibattito molto attento e spesso difficile”, si legge in una comunicazione congiunta da parte di Gregory Doran, il direttore artistico di Rsc, e Catherine Mallyon, direttore esecutivo. Che hanno aggiunto: “Nel mezzo dell’emergenza climatica, che riconosciamo, i giovani ci stanno chiaramente dicendo che lo sponsor di BP sta costituendo un ostacolo al loro desiderio di impegnarsi con Rsc. Non possiamo ignorare questo messaggio” sottolineando che “ascoltare i giovani e rispondere al loro modo di vedere il mondo è per noi centrale. Ogni anno, con gli spettacoli di Shakespeare, i ragazzi e i giovani con con cui ci relazioniamo sono 500mila“.

Attenzione però: la vittoria ottenuta dagli attivisti verdi potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio, perché da adesso, la Rsc – a corto di finanziamenti – dovrà alzare proprio i prezzi di quei biglietti per gli under 25, che fino a poco fa costavano 5 sterline.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iraq, proteste contro carovita e disoccupazione a Baghdad e nel centro-sud: 25 morti, tra cui un bambino. Esplosione nella Green Zone

next
Articolo Successivo

Kievgate, Camera ha chiesto documenti al vicepresidente Pence e alla Casa Bianca. Nyt: “Usa prepararono un discorso per Zelensky”

next