Ad IFA Dynabook, il brand che ora campeggia sui PC dell’ex divisione computer di Toshiba dopo l’acquisizione dell’80% delle quote da parte di SHARP, ha presentato il Tecra X50-F un notebook da 15″ pensato per il segmento business.

Caratterizzato da un corpo sottile in magnesio, più leggero della plastica –il PC pesa crica 1,36Kg– ma in grado di garantire la resistenza a fino 100Kg di pressione, e dalla tinta blu scuro, l’X50-F cerca di rispondere ai bisogni degli utenti aziendali, vedendo il produttore giapponese utilizzare sul suo nuovo notebook CPU Intel i3, i5 ed i7 di ottava generazione, e non più recenti, in quanto questa generazione vede disponibili (i5 ed i7) varianti con supporto alla tecnologia vPro di interesse al settore di riferimento.

Completano la scheda tecnica fino a 16GB di memoria DDR4, fino a 1TB di disco SSD PCIe, il display fullHD da 15.6″ IGZO di Sharp capace di 450nits, doppia webcam IR e HD (con sportellino salva-privacy) e batteria in grado di offrire -secondo il produttore- fino a 17h di utilizzo. Sul versante della connettività il Dynabook Tecra X50-F offre WiFi-6 ed in alcune configurazioni anche il 4G, 2 porte USB3.0 type-A e 2 type-C, ed una porta HDMI full-size.

A bordo sarà preinstallato Windows 10 con supporto a Windows Modern Standby, la tecnologia che permette ai notebook ad esempio di ricevere notifiche anche quando in standby come uno smartphone, mentre sul versante sicurezza sarà possibile sbloccare il PC o mediante il riconoscimento facciale di Windows Hello (sfruttando anche la webcam IR) o mediante un lettore d’impronta digitale montato all’interno del touchpad.

I Dynabook Tecra X50-F saranno disponibili a partire dal mese di Ottobre, non sono ancora note informazioni in merito al prezzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

P&G: a Campus Party il racconto di come Big Data e Realtà Virtuale supportano l’innovazione dei prodotti per la cura della persona e della casa

prev
Articolo Successivo

iPadOS per tablet Apple disponibile da oggi, ecco gli iPad compatibili e le novità principali

next