È stato individuato l’uomo che ha tentato di abusare di una giovane donna a Nuoro, nella notte fra il 14 e il 15 settembre. Per identificarlo sono stati determinanti l’aiuto della vittima – una donna di 31 anni – e le immagini delle videocamere di sorveglianza presenti in zona. Ora è indagato per violenza sessuale. La sua identità resta per il momento riservata. Il sostituto procuratore Giorgio Bocciarelli, titolare dell’inchiesta, sta raccogliendo tutti gli elementi utili per dare una svolta definitiva al caso.

La vittima è stata aggredita mentre dormiva nella sua auto in piazza Su Connottu, dove era andata a riposarsi durante la “Notte bianca”, una serata di festa che prevede l’apertura serale dei negozi della città. Agli inquirenti ha raccontato che l’uomo le avrebbe messo una mano sul collo e con l’altra avrebbe cercato di strapparle i vestiti provocandole ferite ed ematomi, riscontrati dal personale sanitario dell’ospedale San Francesco, dove è stata portata di seguito all’aggressione. Lo stupro è fallito per la reazione della ragazza, che è riuscita a divincolarsi e a uscire dall’auto.

Durante la colluttazione all’interno della vettura era rimasto ferito in modo lieve anche l’aggressore, che era poi scappato a piedi tra le vie del centro storico. Per la sua identificazione è stato decisivo anche il racconto delle persone corse in aiuto della giovane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tecnologia 5G tra petizioni, denunce, iniziative varie e richiesta di nuovi studi sulla pericolosità: le proteste in Italia

prev
Articolo Successivo

Milano, esplosione in una fabbrica a Trezzano sul Naviglio: feriti il titolare, il fratello e il padre. I due giovani hanno gravi ustioni

next