Come stabilito dalla Legge di Bilancio in vigore fino al 31 dicembre 2019, i proprietari di locali commerciali possono avvalersi del regime agevolato in caso di locazione. Ma che cosa succede se il contratto prevede una quota di canone variabile? Come riportato in un articolo di Immobiliare.it, la cedolare secca per gli immobili commerciali è applicabile anche in caso di affitto con canone variabile.

Non solo locazioni residenziali

La possibilità di usufruire del regime agevolato della cedolare secca è stata estesa dalla Manovra 2019 anche agli immobili di categoria catastale C\1 (con superficie inferiore ai 600 mq). Il locatore paga un’aliquota del 21%, ma rinuncia alla facoltà di richiedere l’aggiornamento del canone, inclusa la variazione accertata dall’Istat.

E se il canone è variabile?

Il chiarimento arriva da una risposta dell’Agenzia delle Entrate, resa pubblica lo scorso 23 agosto, al quesito di un contribuente riguardo al canone di locazione. Qualora si stipuli un contratto d’affitto che preveda un canone con una quota annuale fissa e una variabile da calcolare sulla base dei ricavi della società locataria, la cedolare secca è applicabile? La risposta è stata chiara: sì, perché la parte variabile non ha nulla a che fare con l’aggiornamento del canone Istat. In altre parole, la disposizione che vieta di aumentare l’affitto tenendo conto della variazione dei prezzi accertata dall’Istituto nazionale di statistica non interferisce con il principio di libera determinazione del canone di locazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Studenti fuori sede: ancora in aumento i prezzi delle stanze

prev
Articolo Successivo

Trasformare parte della casa in studio: i consigli per i liberi professionisti

next