Non sono bastati 13 anni alla guida di una delle diocesi più povere d’America, in West Virginia, per accendere qualche rimorso di coscienza. L’ex vescovo Michael Bransfield, 76 anni, avrebbe sperperato un patrimonio per mantenere uno stile di vita extra lusso, senza badare a spese. Lo rivela un’inchiesta del Washington Post, che da mesi tiene sotto controllo le sue attività. Il Vaticano lo aveva già sottoposto a misure disciplinari dopo il risultato di un’inchiesta interna, secondo la quale avrebbe dilapidato 2,4 milioni della diocesi in spese personali, fra cui elargizioni a uomini di chiesa e giovani seminaristi che adesso lo accusano di molestie sessuali. Le stessa inchiesta l’aveva costretto a dimettersi lo scorso luglio.

Le cifre sono parlanti: un milione di dollari in jet privati, 62 mila dollari in gioielli, 140 mila in ristoranti, 1.300 dollari di autista e 12 mila di volo per una giornata a Washington, 10 mila per soggiornare nell’attico dell’hotel The Colony , a Palm Beach, che ha ospitato anche Bill Clinton e George W. Bush durante il loro periodo alla Casa Bianca.

Esemplare poi il caso del pellegrinaggio alla National Shrine della capitale, dove nel settembre del 2017 si sono recati molti cattolici e lo stesso Bransfield, ma attraverso vie differenti. I primi spesero 190 dollari per un viaggio notturno in pullman, il secondo a affittò un jet privato e dopo un volo di 33 minuti arrivò a destinazione in limousine, per un costo totale a carico della diocesi, 6.769 dollari.

“Non me ne sono occupato io, ha fatto tutto lo staff”, ha detto l’ex vescovo, che ha rimproverato i suoi addetti perché a suo dire responsabili di aver scelto soggiorni troppo costosi. Al tempo stesso ha sottolineato come le sue vacanze fossero in realtà pause necessarie dai suoi doveri religiosi. Gran parte dei suoi spostamenti si verificarono – secondo lui – per ragioni di lavoro e in virtù della sua carica di capo della Papal Foundation, un ente no profit che raccoglie fondi da ricchi cattolici per finanziare iniziative vaticane.

Eppure, Papa Francesco ha sempre sottolineato come i vescovi debbano vivere in modo modesto, senza eccessi. Soprattutto se si tiene in considerazione la diocesi che li considera un punto di riferimento: in quella di Bransfield, un 1 residente su 5 vive in stato di povertà, l’uso di oppiacei ha diffusione capillare e il lavoro scarseggia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, Alicante sommersa dall’acqua: le auto spariscono inghiottite dal fango, tre morti

next
Articolo Successivo

Francia, Balkany condannato per frode fiscale: l’ex deputato e amico di Sarkozy va in carcere. “Ha nascosto milioni di euro all’erario”

next