La Francia firma l’impresa dei Mondiali di basket, a prescindere da come finirà l’avventura in Cina. La Nazionale transalpina ha battuto ed eliminato gli Stati Uniti nei quarti: 89-79 alla sirena. Il match è stato segnato dalle prestazioni di Rudy Gobert ed Evan Fournier da una parte e dalla serataccia di Kemba Walker dall’altra.

Ma non ci sono solo la doppia-doppia del pivot degli Utah Jazz e i 22 punti del giocatore degli Orlando Magic a suggellare l’impresa dei ragazzi di Vincent Collet, che in semifinale affronteranno l’Argentina: in 9 sono andati a segno contro quelli che erano i favoriti del torneo, nonostante le tante assenze. Certo, Gregg Popovich non ha potuto contare sulle stelle Nba: né Steph Curry né LeBron James, nemmeno James Harden o Kawhi Leonard. Ma restano sempre gli Stati Uniti, arrivati in Cina con 12 giocatori ‘veri’ e il vate in panchina.

Eppure la Francia ha dominato la partita, restando in controllo anche quando gli Usa hanno tentato lo strappo in un terzo quarto da 27-18 che sembrava poter indirizzare il quarto di finale verso il più pronosticato dei finali. Sovvertito in 10 minuti di fuoco grazie alla presenza fisica di Gobert (16 rimbalzi, 7 offensivi), da una tripla di Frank Ntilikina e da un paio di giocatore d’autore di Fournier e Nando De Colo. Mentre dall’altra parte del campo Walker (2/9 al tiro) ha continuato a sparare a caso verso il tabellone francese e il solo Donovan Mitchell (29 punti) ha potuto ben poco. Risultato? Parziale di 26-13 per la Francia e biglietto per la semifinale prenotato dai transalpini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali basket, le magie di Campazzo e i 20 punti del 39enne Scola: così l’Argentina ha eliminato la favorita Serbia. Gli highlights

prev
Articolo Successivo

Pietro Mennea, 40 anni fa il record del mondo diventato leggenda. Abnegazione e talento: così la Freccia del Sud fermò il cronometro a 19″72

next