La Francia firma l’impresa dei Mondiali di basket, a prescindere da come finirà l’avventura in Cina. La Nazionale transalpina ha battuto ed eliminato gli Stati Uniti nei quarti: 89-79 alla sirena. Il match è stato segnato dalle prestazioni di Rudy Gobert ed Evan Fournier da una parte e dalla serataccia di Kemba Walker dall’altra.

Ma non ci sono solo la doppia-doppia del pivot degli Utah Jazz e i 22 punti del giocatore degli Orlando Magic a suggellare l’impresa dei ragazzi di Vincent Collet, che in semifinale affronteranno l’Argentina: in 9 sono andati a segno contro quelli che erano i favoriti del torneo, nonostante le tante assenze. Certo, Gregg Popovich non ha potuto contare sulle stelle Nba: né Steph Curry né LeBron James, nemmeno James Harden o Kawhi Leonard. Ma restano sempre gli Stati Uniti, arrivati in Cina con 12 giocatori ‘veri’ e il vate in panchina.

Eppure la Francia ha dominato la partita, restando in controllo anche quando gli Usa hanno tentato lo strappo in un terzo quarto da 27-18 che sembrava poter indirizzare il quarto di finale verso il più pronosticato dei finali. Sovvertito in 10 minuti di fuoco grazie alla presenza fisica di Gobert (16 rimbalzi, 7 offensivi), da una tripla di Frank Ntilikina e da un paio di giocatore d’autore di Fournier e Nando De Colo. Mentre dall’altra parte del campo Walker (2/9 al tiro) ha continuato a sparare a caso verso il tabellone francese e il solo Donovan Mitchell (29 punti) ha potuto ben poco. Risultato? Parziale di 26-13 per la Francia e biglietto per la semifinale prenotato dai transalpini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali basket, le magie di Campazzo e i 20 punti del 39enne Scola: così l’Argentina ha eliminato la favorita Serbia. Gli highlights

next
Articolo Successivo

Pietro Mennea, 40 anni fa il record del mondo diventato leggenda. Abnegazione e talento: così la Freccia del Sud fermò il cronometro a 19″72

next