Quaranta posti di lavoro a rischio per la chiusura dello stabilimento Saicaf di Bari. La storica fabbrica di torrefazione, attiva nel capoluogo pugliese dagli Anni Trenta, ha deciso di sospendere la produzione, nella quale sono occupate 40 persone, a fine mese. Per questo i sindacati Flai e Uila hanno indetto lo sciopero ad oltranza dal giovedì 12. L’astensione dal lavoro andrà avanti “fino a quando dall’azienda non giungeranno gli opportuni chiarimenti” e “non si darà garanzia sul futuro dei lavoratori attualmente occupati”.

Della chiusura dello stabilimento e della cessione del terreno si era parlato il 6 agosto scorso durante un incontro tra le rappresentanze sindacali e la direzione aziendale. Già dallo scorso mese, invece, sono stati trasferiti gli uffici e gli impiegati in una sede nel centro di Bari. “Alla luce di tutto ciò le organizzazioni sindacali – scrivono Anna Lepore e Pietro Buongiorno, segretari generali di Flai e Uila – hanno inoltrato richiesta di incontro urgente alla direzione aziendale Saicaf, nella quale si specificava la necessità di essere ricevuti entro il giorno 6 settembre al fine di ricevere comunicazioni relative agli intendimenti aziendali in merito alla tutela e alla salvaguardia dei posti di lavoro messi in discussione. A tale richiesta l’azienda ha risposto il 4 settembre convocando un incontro per il 30 settembre”.

La preoccupazione dei sindacati è legata al fatto che l’azienda “non ha chiarito da quale società verrà acquisita la produzione e, quindi, quale sarà il futuro lavorativo degli operai occupati nel reparto”. Dopo aver indetto lo stato di agitazione sindacale, i rappresentanti dei lavori hanno quindi indetto lo sciopero ad oltranza e interessato la task force regionale per l’occupazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo Conte 2, la discontinuità passa anche dal rispetto della dignità dei lavoratori

prev
Articolo Successivo

Industria 4.0: il mondo del lavoro verrà totalmente rivoluzionato, abituiamoci all’idea

next