Pochi applausi, molta indifferenza, qualche risata. La reazione tra i banchi dem dei deputati renziani, dai più noti come Maria Elena Boschi e il fedelissimo Roberto Giachetti, passando per Luca Lotti, Ettore Rosato e Luigi Marattin, è sembrata tutt’altro che entusiasta di fronte al discorso con cui il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha chiesto la fiducia a Montecitorio. Anzi. Nei passaggi più delicati per il futuro governo, per via delle differenti posizioni tra il M5s e il Partito democratico, è sembrata evidente la distanza tra il gruppo renziano e le posizioni del presidente del Consiglio. Dallo stop alle trivelle, passando per il caso Autostrade e Ponte Morandi, fino al taglio dei parlamentari (“con l’inserimento alla prima occasione utile nel calendario del disegno di legge”), tra i banchi renziani in pochi hanno applaudito. Differente invece la reazione del resto del gruppo dem, così come dei deputati pentastellati che accompagnavano il discorso di Conte con gli applausi.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Conte richiama il deputato che protesta. E Fico lo riprende: “È compito mio”

prev
Articolo Successivo

Governo, i sovranisti in piazza contro il Conte 2 tra Inno di Mameli e nostalgie fasciste

next