Pochi applausi, molta indifferenza, qualche risata. La reazione tra i banchi dem dei deputati renziani, dai più noti come Maria Elena Boschi e il fedelissimo Roberto Giachetti, passando per Luca Lotti, Ettore Rosato e Luigi Marattin, è sembrata tutt’altro che entusiasta di fronte al discorso con cui il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha chiesto la fiducia a Montecitorio. Anzi. Nei passaggi più delicati per il futuro governo, per via delle differenti posizioni tra il M5s e il Partito democratico, è sembrata evidente la distanza tra il gruppo renziano e le posizioni del presidente del Consiglio. Dallo stop alle trivelle, passando per il caso Autostrade e Ponte Morandi, fino al taglio dei parlamentari (“con l’inserimento alla prima occasione utile nel calendario del disegno di legge”), tra i banchi renziani in pochi hanno applaudito. Differente invece la reazione del resto del gruppo dem, così come dei deputati pentastellati che accompagnavano il discorso di Conte con gli applausi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Conte richiama il deputato che protesta. E Fico lo riprende: “È compito mio”

next
Articolo Successivo

Governo, i sovranisti in piazza contro il Conte 2 tra Inno di Mameli e nostalgie fasciste

next