Proseguono le indagini della procura di Tempio Pausania (Sassari) dopo la querela presentata a Milano da una ragazza per violenza sessuale di gruppo. L’amica della giovane che ha denunciato lo stupro, per cui sono indagati il figlio 19enne di Beppe Grillo, Ciro, e tre amici, sarà sentita dagli inquirenti.

La testimone è stata infatti identificata dai carabinieri dopo la denuncia degli abusi che sarebbero avvenuti nella villa del fondatore del M5S a Porto Cervo. Intanto si attende l’esame dei cellulari sequestrati a tutti gli indagati. I carabinieri hanno sequestrato il cellulare al figlio di Grillo nella villa di Bibbona (Livorno), dove si trovava nei giorni in cui gli è stato notificato il decreto, mentre gli altri giovani erano a Genova.

Secondo il racconto dalla giovane, la violenza di gruppo risale allo scorso 16 luglio dopo una serata trascorsa con i quattro al Billionaire e proseguita nel residence in Costa Smeralda dove era stata invitata con l’amica per una spaghettata. Gli indagati, oltre a Ciro Grillo, sono Francesco Corsiglia, Vittorio Lauria e Edoardo Capitta, tutti tra i 18 e i 20 anni, i quali, tramite i loro legali, si difendono sostenendo che i rapporti sono stati consenzienti. Non così per la studentessa che, sempre a luglio, si è recata anche al centro Soccorso Violenza Sessuale della clinica Mangiagalli dove è stata visitata dalle psicologhe.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Marcello De Vito rinuncia al Riesame. Misura cautelare scade il 20 settembre

next
Articolo Successivo

Milano, sequestrato il teatro Ciak: “Violate norme edilizie, opere abusive non demolite”

next