Sono accusati di violenza sessuale ai danni di una vigilessa, ma il gip di Catanzaro ha rigettato la richiesta di interdizione dai pubblici uffici per 18 mesi avanzata dalla procura nei loro confronti. Si tratta di Giuseppe Antonio Salerno e Salvatore Tarantino, rispettivamente comandante della polizia municipale del capoluogo calabrese e ufficiale dello stesso corpo. Tarantino, presunto responsabile dell’episodio, è accusato di violenza sessuale aggravata dall’abuso di autorità, mentre a Salerno vengono contestati i reati di concussione, falsità ideologica, omessa denuncia e favoreggiamento, dato che avrebbe agito tentando di coprire le presunte responsabilità dell’ufficiale.

Il fatto risale al settembre 2018. In quell’occasione, secondo l’accusa, Tarantino aveva afferrato il viso della collega e l’aveva baciata contro la sua volontà. Lei aveva redatto una relazione di servizio, nella quale denunciava quanto accaduto. Secondo il pm, Salerno aveva a quel punto minacciato la sua sottoposta di non promuoverla a causa delle sue dichiarazioni, facendosi promettere dalla vigilessa di riscrivere il testo della relazione di servizio, senza menzionare l’episodio del bacio. I due uomini, assistiti dagli avvocati Carlo Petitto e Antonio Lomonaco, erano comparsi davanti al gip Francesca Pizii lo scorso luglio per essere interrogati, ma secondo la stampa locale Tarantino ha negato tutto e Salerno si sarebbe presentato con una documentazione che smentisce le dichiarazioni dell’accusa. Per i due è quindi stata rigettata la richiesta di interdizione per un anno e 6 mesi che la procura aveva avanzato, ma l’inchiesta va comunque avanti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scomparsi Piacenza, la sorella di Elisa: “Lei è ancora viva, questa è la mia speranza. Con Massimo avevano costruito un pollaio”

prev
Articolo Successivo

Mimmo Lucano, il suo ritorno a Riace dimostra che sull’accoglienza Salvini sbagliava di grosso

next