Chi porta una protesi a seguito dell’amputazione di una mano ha difficoltà nel percepire la consistenza degli oggetti, la loro temperatura e altre sensazioni che solo il tatto può dare. I ricercatori della Purdue University hanno realizzato un guanto elettronico, o e-glove, che si indossa sopra a una mano protesica e che fornisce percezioni sensoriali simili a quelle naturali, con la conseguente abilità di percepire pressione, temperatura e idratazione di quello che si tocca.

Gli studi al riguardo sono molti, spesso anche molto complessi, in questo caso gli scienziati stanno puntando sulla semplicità. Il loro guanto elettronico utilizza sensori elettronici sottili e flessibili, e chip miniaturizzati a base di silicio, integrati all’interno di un comune guanto in nitrile come quelli monouso che si trovano facilmente in commercio.

L’e-glove è poi collegato a un dispositivo indossabile che assomiglia a un orologio da polso e che consente la visualizzazione in tempo reale dei dati sensoriali, e la trasmissione remota all’utente per l’elaborazione dei dati. Come sottolinea Chi Hwan Lee, assistente professore al Purdue’s College of Engineering, il primo vantaggio di questa soluzione è che si adatta perfettamente a mani di diverse dimensioni e forme. Inoltre, i sensori all’interno raccolgono “varie informazioni come pressione, temperatura, umidità e bio-segnali elettrofisiologici, fornendo allo stesso tempo la morbidezza tipica di una vera mano umana”.

Il secondo vantaggio è che il processo di fabbricazione di questo guanto elettronico è poco costoso e si può realizzare su larga scala, rendendo questo dispositivo conveniente, a differenza di altre tecnologie emergenti con controllo mentale, vocale e muscolare incorporato nella protesi, che hanno costi elevati.

L’auspicio dei ricercatori è che questa soluzione a basso costo possa migliorare il benessere dei portatori di protesi, consentendo loro di sentirsi più a loro agio nei contesti sociali. Il guanto è disponibile in diversi colori per adattarsi al meglio a differenti tonalità della pelle, e ha persino impronte digitali realistiche e unghie artificiali.

Dopo avere brevettato la tecnica, ora i ricercatori della Purdue sono alla ricerca di partner per collaborare a studi clinici, e di esperti nel campo delle protesi per convalidare l’uso del guanto elettronico e continuare a ottimizzarne il design. L’obiettivo finale è portare queste tecnologie fuori dal laboratorio per aiutare chi ne ha bisogno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Perché rimuovere il conteggio dei like su Instagram (e ora anche Facebook) non è la soluzione

prev
Articolo Successivo

Kobo Libra H2O è il lettore di e-book impermeabile e moderno che costa 180 euro

next