La telenovela è agli sgoccioli, come prevedibile, ora che il tempo stringe e restano poche alla chiusura del calciomercato. Le strade di Mauro Icardi e dell’Inter sono prossime ad allontanarsi, almeno temporanea. Secondo i media francesi, l’attaccante argentino giocherà nel Paris Saint Germain. La società francese e i nerazzurri avrebbero trovato l’accordo per un prestito annuale con diritto di riscatto fissato a 70 milioni di euro che sbloccherebbe la situazione di impasse che le due parti vivono da mesi, in una sorta di separazione in casa sfociata nella causa milionaria intentata dalla punta negli scorsi giorni.

Il club nerazzurro è disposto a far partire il giocatore in prestito e, a quanto apprende l’Adnkronos, la moglie ed agente del giocatore Wanda Nara è pronta nelle prossime ore a partire alla volta di Parigi per chiudere l’operazione. La stessa Nara, domenica notte si era lasciata scappare un indizio: “Ci sono due squadre in Europa. Si era parlato anche del Boca Juniors, ma è difficile”. In realtà nell’ultimo giorno di mercato è una corsa per trovare una soluzione con il Psg.

Il club parigino dopo gli infortuni di Mbappé e Cavani cerca un attaccante e potrebbe prendere l’argentino in prestito, anche se l’Inter vorrebbe che Icardi rinnovasse il contratto con l’Inter per un anno. “La causa all’Inter? In caso di partenza cadrà. Ho un ottimo rapporto con la società”, ha aggiunto Wanda Nara, a cui ha fatto eco questa mattina il legale di Icardi, Giuseppe Di Carlo: “Non c’è nessuna preclusione da parte di Icardi a trovare una soluzione condivisa che soddisfi e tuteli le esigenze di entrambe le parti in causa”, ha detto il legale parlando della causa in corso tra l’attaccante argentino e l’Inter.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juventus-Napoli, denunciati un centinaio di ultras partenopei: hanno infranto divieto di acquistare i biglietti per il settore ospiti

prev
Articolo Successivo

Calciomercato, in Italia tornano i campioni (anche dalla Premier) e si trattengono i top player: operazione d’immagine per la Serie A

next