Era stato arrestato il 25 agosto in casa sua ad Acerno, in provincia di Salerno, dove i carabinieri avevano sequestrato anche droga, oltre al materiale per il confezionamento delle dosi. E alla convalida del fermo, il gip si è accorto che il pusher, 44enne che era solito spacciare in un bar, percepiva il reddito di cittadinanza. Nell’ordinanza che ha disposto le misure cautelari nei suoi confronti, il giudice ha previsto la sospensione del beneficio, invitando l’uomo a smettere di fare lo spacciatore e a cercarsi un lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tirolo, una mucca uccise turista: dimezzato risarcimento perché vittima “corresponsabile”

next
Articolo Successivo

Simon Gautier, dall’analisi del cellulare la verità sulle ultime 24 ore dell’escursionista

next