Era stato arrestato il 25 agosto in casa sua ad Acerno, in provincia di Salerno, dove i carabinieri avevano sequestrato anche droga, oltre al materiale per il confezionamento delle dosi. E alla convalida del fermo, il gip si è accorto che il pusher, 44enne che era solito spacciare in un bar, percepiva il reddito di cittadinanza. Nell’ordinanza che ha disposto le misure cautelari nei suoi confronti, il giudice ha previsto la sospensione del beneficio, invitando l’uomo a smettere di fare lo spacciatore e a cercarsi un lavoro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tirolo, una mucca uccise turista: dimezzato risarcimento perché vittima “corresponsabile”

prev
Articolo Successivo

Simon Gautier, dall’analisi del cellulare la verità sulle ultime 24 ore dell’escursionista

next