Un esordio migliore di così era impensabile, anche per un perfezionista come lui. L’Inter di Antonio Conte batte il Lecce 4-0 davanti a circa 65mila spettatori arrivati a San Siro e bagna così il ritorno in Serie A con un poker alla squadra della sua città natale. Tutto facile per i nerazzurri, con Marcelo Brozovic ad aprire le marcature e il neo-acquisto Stefano Sensi a raddoppiare subito dopo. Nella ripresa in gol anche il colpo di mercato, Romelu Lukaku, abile a sfruttare una ribattuta sul tiro di Lautaro Martinez, e poi ciliegina di Antonio Candreva nel finale.

Prestazione convincente dei nerazzurri contro un avversario che prova a giocare a viso aperto prima di sciogliersi nel giro di 3 minuti. I padroni di casa, dopo aver concesso in avvio una chance a Falco, di fatto archiviano la pratica tra il 21′ e il 24′. Brozovic sblocca il risultato firmando l’1-0 con un pregevole tiro a giro e 180 secondi più tardi tocca a Sensi raddoppiare con un rasoterra preciso a coronamento di una percussione.

Il 2-0 permette all’Inter di giocare sul velluto e il terzo gol, al 60′, fa calare definitivamente il sipario sull’incontro. Gabriel respinge la conclusione di Lautaro e Lukaku deve solo appoggiare in porta il pallone del 3-0. Nell’ultima porzione di match c’è spazio per i tentativi di Lautaro, che non riesce ad iscrivere il proprio nome nel tabellino dei marcatori, e per l’espulsione di Farias, che colpisce duro Barella al 77′ e lascia il Lecce con un uomo in meno nel finale. Prima del triplice fischio, arriva il poker: merito di Candreva, che all’85′ fa centro con una conclusione perfetta da 25 metri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mihajlovic, il primario del reparto dove è ricoverato: “Potrà andare in panchina altre volte. Non è stato un episodio isolato”

next
Articolo Successivo

Inter-Lecce, la Curva Nord ‘omaggia’ Diabolik: cori e striscioni per il capoultrà laziale ucciso con un colpo di pistola alla nuca nella Capitale

next