Avrebbe tentato di dare fuoco alla compagna, cospargendola prima di alcol denaturato. Per questo un uomo di Padova di 53 anni è stato arrestato con l’accusa di lesioni gravissime e maltrattamenti aggravati. Ad accusarlo, non appena risvegliata dopo la sedazione, la stessa vittima, ora ricoverata con gravi ustioni su parte del corpo ma non in pericolo di vita. Una novità rispetto alle prime ricostruzioni. Il fatto infatti, accaduto a Ponte di Brenta, nel padovano, risale al 16 agosto e inizialmente era stato classificato come un tentato suicidio.

Stando alla versione dell’uomo, una volta entrato in casa avrebbe trovato la donna immersa dalle fiamme, tentando di salvarla e chiamando il 118. Diversa invece la verità della compagna. A chiamare i soccorsi, infatti, sarebbe stata una vicina di casa, e non il 53enne. A insospettire la Squadra Mobile, coordinata dal pm Benedetto Roberti, anche il fatto che l’uomo non si trovasse in casa al momento dei soccorsi. Sono ancora in corso comunque ulteriori verifiche per ricostruire nel dettaglio la vicenda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treviso, violentava la figlia minorenne e vendeva video pedopornografici in Australia: arrestato 46enne. Gli abusi duravano da anni

next
Articolo Successivo

La storia di Mari, da manager a colf. Una dei tanti invisibili che sono tra noi, ma non con noi

next