Alla Berghem Fest di Alzano Lombardo, giovedì sera è andato in scena il confronto tra il deputato PD Luigi Marattin e il senatore leghista Alberto Bagnai. I due economisti si sono confrontati per un’ora e mezza sullo scenario italiano: “Quello che mi preoccupa – ha spiegato Mattarin – è che in caso di elezioni non c’è la possibilità di evitare un aumento dell’Iva che sarebbe una mazzata”. Una visione rispedita al mittente da Bagnai: “C’era la strada del rimpasto ma se sul documento fondamentale c’è un dissidio tra governo e parlamento e l’azionista di maggioranza dà copertura a chi era contro di noi, noi non avevamo altra scelta”. Ma sulle tempistiche della crisi il deputato Dem attacca: “Sono perplesso, questa posizione si scontra con il fatto che i tempi di questa crisi non erano compatibili con la situazione. Bastava far scoppiare la crisi a giugno in modo da votare a settembre ed evitare l’aumento dell’Iva”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, Marattin (Pd): “Accordo con M5s? Se ci sarà dovrà avere basi chiare”

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, sondaggi: la Lega perde tre punti rispetto alle Europee. Crescono Pd e M5s

next