Se per voi gli smartphone di oggi sono troppo ingombranti, e non vi serve uno schermo gigantesco, il prodotto che fa per voi potrebbe essere Palm, un dispositivo unico nel suo genere perché ha uno schermo da 3,3 pollici. Non è un vecchio telefonino uscito dalla soffitta, è un prodotto nuovissimo: lo schermo è costruito con tecnologia IPS, ha una risoluzione 1.280 x 720 pixel e beneficia di una copertura Gorilla Glass 3 per resistere a urti e cadute accidentali. Risponde all’appello anche una certificazione IP68 per la resistenza ad acqua e polvere.

Il punto di forza di Palm ovviamente è la trasportabilità: questo prodotto misura 50 x 97 x 7,4 millimetri, per un peso di 62,5 grammi. L’equipaggiamento include un processore Qualcomm 435, affiancato da 3 Gigabyte di memoria RAM e da 32 Gigabyte di spazio di archiviazione. Chi lo sceglie non sarà agevolato nella riproduzione di contenuti multimediali vista l’area di visualizzazione ristretta, ma potrà comunque scattare qualche foto. La dotazione, infatti, comprende una fotocamera posteriore da 12 Megapixel e una frontale da 8 Megapixel per i selfie. Il tutto è alimentato da una batteria da 800 mAh.

La piattaforma software è purtroppo ancora affidata ad Android 8.1, si auspica in un aggiornamento quanto prima. Non mancano la connettività Bluetooth 4.2, Wi-Fi monobanda e il GPS. In Italia costa 349 euro, che non è una cifra contenuta se si considera la scheda tecnica da fascia bassa. Chi sceglie questo prodotto non lo fa per risparmiare, ma per avere un dispositivo con dimensioni compatte senza dover rinunciare a qualche funzione smart.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vendite smartphone in ripresa nel 2020, Android cederà quote di mercato a Harmony OS

prev
Articolo Successivo

Cara ‘Bestia’, ora ti sei inceppata: c’è qualcosa che non puoi manipolare

next