Non è facile per una giovane coppia distaccarsi dalla famiglia d’origine e iniziare la propria strada in completa autonomia. La prima difficoltà riguarda l’acquisto di un’abitazione: le garanzie richieste per ottenere un mutuo, infatti, potrebbero non essere soddisfatte da chi ha un lavoro precario o ha appena avviato la sua carriera professionale.

Come riportato da un articolo di Immobiliare.it, in alcuni casi lo Stato e le Regioni mettono a disposizione mutui agevolati per i giovani: vediamo insieme come funzionano e chi può richiederli.

Questi particolari prodotti di mutuo sono destinati a chi non ha ancora compiuto 35 anni, per facilitare l’acquisto di una casa. Il fondo di garanzia dello Stato, accessibile anche per genitori single o lavoratori atipici, consente di ottenere in prestito una somma che corrisponde al 100% del valore dell’abitazione. Il prezzo dell’immobile, da destinare a residenza principale, non deve però superare i 250 mila euro.

Con il fondo di garanzia, lo Stato si pone come garante in caso di insolvenza da parte del soggetto richiedente. Non sarà più necessario, dunque, che i genitori si facciano garanti per i figli. L’accesso ai mutui agevolati, inoltre, non è vincolato ai requisiti necessari per richiedere un finanziamento tradizionale (contratto di lavoro a tempo indeterminato, assunzione da un certo numero di anni, situazione creditizia ineccepibile). È presente però un vincolo per l’intestatario, che deve impegnarsi a non rivendere l’immobile o a non darlo in affitto per un certo numero di anni.

Oltre ai mutui per i giovani, sono disponibili altri tipi di agevolazioni: riduzione dell’IVA e delle imposte di registro, ad esempio, ma anche detrazione del 19% degli interessi versati alla banca per il prestito. Facilitazioni che si basano sul principio della casa come bene essenziale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecobonus: gli interventi non sempre generano un reale beneficio ambientale

next
Articolo Successivo

Ventilazione meccanica controllata: aria pulita e risparmio in bolletta

next