Sono cominciate all’alba le operazioni di recupero della salma del giovane turista francese Simon Gautier, trovata ieri sera in una zona di Belvedere di Ciolandrea, nel comune di San Giovanni a Piro, in provincia di Salerno. Per tutta la notte sono stati presenti, tra gli altri, gli uomini della Protezione civile, del Soccorso Alpino e dei Vigili del Fuoco. Il corpo si trovava in un crepaccio molto profondo; le operazioni di recupero sono state rese difficili dalla particolare configurazione del luogo. La salma, secondo quanto si è appreso, dovrebbe essere trasferita dapprima al porto di Scario e poi, probabilmente, all’ospedale di Sapri dove sarà eseguito l’esame autoptico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Simon Gautier, l’associazione Ue per il numero unico di emergenza: “Il ragazzo avrebbe potuto essere salvato più facilmente”

prev
Articolo Successivo

Open Arms, ancora nessun ricorso del Viminale contro il Tar del Lazio

next