Sono cominciate all’alba le operazioni di recupero della salma del giovane turista francese Simon Gautier, trovata ieri sera in una zona di Belvedere di Ciolandrea, nel comune di San Giovanni a Piro, in provincia di Salerno. Per tutta la notte sono stati presenti, tra gli altri, gli uomini della Protezione civile, del Soccorso Alpino e dei Vigili del Fuoco. Il corpo si trovava in un crepaccio molto profondo; le operazioni di recupero sono state rese difficili dalla particolare configurazione del luogo. La salma, secondo quanto si è appreso, dovrebbe essere trasferita dapprima al porto di Scario e poi, probabilmente, all’ospedale di Sapri dove sarà eseguito l’esame autoptico.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Simon Gautier, l’associazione Ue per il numero unico di emergenza: “Il ragazzo avrebbe potuto essere salvato più facilmente”

next
Articolo Successivo

Open Arms, ancora nessun ricorso del Viminale contro il Tar del Lazio

next