È morta a soli 58 anni Ida Colucci, giornalista ed ex direttrice del Tg2 che da tempo stava lottando contro una malattia.

Nata a Roma il 22 agosto 1960, dopo le esperienze in Asca, Nuova Ecologia, Legambiente, entrò in Rai nel 1991, al Giornale Radio, per passare poi nel 2002 al Tg2, di cui diventò inviata nel 2005. Il 4 agosto del 2016 subentrò a Marcello Masi assumendo, su proposta dell’allora dg Antonio Campo Dall’Orto, la direzione del telegiornale, di cui era vicedirettrice dal 2009.
La Rai ha voluto ricordare la giornalista con una nota in cui si ricorda il suo percorso all’interno dell’azienda pubblica, iniziato nel 1991: “Ida Colucci – si legge – è morta questa mattina a Roma. Nata a Roma nel 1960 è entrata in Rai nel 1991 e ha raccontato per la Radio, con la passione e il grande amore per la professione di giornalista che sono sempre stati la sua caratteristica, i principali avvenimenti degli anni Novanta, tra i quali la cronaca degli sbarchi dei profughi albanesi sulle coste pugliesi, la cronaca giudiziaria degli anni di Tangentopoli e il processo Sisde“.

Poi il passaggio alla politica, fino all’approdo in tv, nel 2002: “Nel 1998 è passata al settore politico parlamentare e nel 2002 alla redazione Interni del Tg2, diventando inviato nel 2005. Per il Tg della seconda rete, di cui diventa vicedirettore nel 2009, Ida Colucci ha raccontato i più importanti appuntamenti internazionali, come le assemblee generali dell’Onu e i vertici G8 e G20, lavorando negli Stati Uniti, in Canada, in Corea del Sud, in Giappone, in Cina, in Brasile. Si è occupata anche di politica europea, coprendo con regolarità per oltre dieci anni i consigli Ue dei capi di Stato e di governo a Bruxelles e le attività programmate delle istituzioni comunitarie. Nella primavera del 2016, inoltre, ha seguito l’emergenza attentati nella capitale belga e gli arresti dei sospetti jihadisti. Nell’agosto 2016 è stata nominata direttrice del Tg2, ruolo che ha ricoperto fino al novembre 2018 quando è stata assegnata alle dirette dipendenze dell’Amministratore Delegato”.

Il comitato di redazione del Tg2 fa le sue condoglianze alla famiglia: “Il Tg2 si stringe ai familiari della nostra ex direttrice Ida Colucci, venuta a mancare prematuramente dopo una lunga malattia. Ai suoi cari le condoglianze e l’abbraccio di tutta la redazione”. Mentre

Con una nota congiunta, il presidente Rai, Marcello Foa, e l’ad Fabrizio Salini hanno voluto mandare il loro messaggio di condoglianze alla famiglia della giornalista: “Profondo cordoglio per la scomparsa di Ida Colucci, giornalista appassionata che ha saputo dare alla Rai con generosità e competenza la propria professionalità in tutte le sue esperienze lavorative con una condotta sempre in linea con il servizio pubblico. Ci mancherà e la ricorderemo sempre con grande affetto”.

Anche l’ad di Rai Com e collega, Monica Maggioni, ha voluto mandare il suo saluto a Colucci: “Ida era una giornalista con la passione profonda per il nostro lavoro e per il racconto della politica italiana. Ricordo la sua gioia alla notizia della nomina di direttore del Tg2, un incarico che ha svolto con cura e tenacia anche nei giorni della malattia distinguendo sempre – nelle sue scelte narrative – le consuetudini e le amicizie dalla necessità di essere terzi e autorevoli, come il Servizio Pubblico richiede. Ci mancherà”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Par condicio, anche Mediaset abbandona Berlusconi per Salvini?

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, l’Italia sulla stampa internazionale. Times: “Caos politico”. Cnn: “Premier contro il partner irresponsabile”

next