Avevano installato in una macchinetta per i biglietti della Stazione Centrale un congegno per leggere le carte di credito e una microcamera per carpirne i codici pin. Il tutto nella giornata di Ferragosto, con lo snodo ferroviario milanese nel pieno del via vai di turisti. Notati dalla polizia ferroviaria, gli autori del tentato colpo sono stati arrestati.

L’episodio è accaduto nella mattinata di giovedì. Gli agenti si sono accorti di due uomini, due cittadini romeni, che da un’ora stavano appostati nei pressi di una emettitrice automatica di biglietti. All’interno della macchinetta i due avevano posizionato uno ‘skimmer‘, cioè un dispositivo in grado di leggere le carte di credito degli ignari viaggiatori, e una microcamera. Al termine dell’appostamento, i due si sono avvicinati alla macchinetta cercando di passare il più possibile inosservati e ne hanno asportato il congegno. Bloccati dalla polizia, sono trovati in possesso di una transazione bancomat di 6mila sterline e di due schede, con banda magnetica, presumibilmente necessarie per la clonazione delle carte delle vittime

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carabiniere ucciso a Roma, l’autopsia sul corpo di Cerciello: “Gran parte dei colpi hanno reciso organi vitali: cuore, stomaco e polmoni”

prev
Articolo Successivo

Sora, la diocesi prende le distanze dal parroco anti-migranti. Mons. Antonazzo: “Parole frutto di discutibili scelte personali”

next