“Un dolore immenso. Ciao mia cara Nadia. Non riesco a dire altro”. Così Emma Marrone ha voluto dire addio a Nadia Toffa, la conduttrice de Le Iene scomparsa oggi a 40 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro. Sono tantissimi i messaggi pubblicati in queste ore sui social da chi ha voluto dare così un ultimo saluto alla “iena”. Colleghi, amici ma anche il mondo della politica si sono stretti in un abbraccio virtuale a Nadia, tra cui anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Il Presidente #Mattarella colpito dalla prematura scomparsa di #NadiaToffa ricorda la vivacità e simpatia del suo impegno di giornalista e il coraggio con cui ha affrontato la malattia”, si legge infatti in un tweet del Qurininale.

Particolarmente toccante è il messaggio che ha scritto Carolyn Smith, la giudice di Ballando con le Stelle anche lei da tempo in lotta con un cancro al seno: “Sto andando in ospedale per fare il trattamento e ho raccolto la notizia di una grande donna che ci ha lasciato: Nadia Toffa. Non esistono parole giuste da usare in queste occasioni. Condoglianze alla famiglia ed ai suoi stretti colleghi. Rimane un vuoto immenso. RIP Nadia” ha scritto Carolyn Smith che proprio in questi giorni ha ripreso la chemioterapia. “Vincere significa Distinguersi. E tu lo hai fatto sempre. Buon Viaggio Piccola Grande Donna Coraggiosa”, ha scritto poi Laura Pausini.

Mi incazzavo sempre quando quegli stupidi cretini ti attaccavano ma tu mi dicevi: ‘Dai amica facciamoci una risata insieme’ (anche se so che ci stavi male). E poi quando venivi nel mio camerino ridendo, sempre ridendo, con quel cappello a falde larghe che dovevano nascondere anche se non te ne fregava niente di nascondere. E poi mille altre cose. Oggi sono triste. Ti saluto come mi salutavi tu: Ciao TesorA. E con la poesia che mi hai mandato qualche mese fa”. Così Barbara D’Urso ha voluto ricordarla, pubblicando la poesia di Alda Merini ‘Sei bella‘ e una loro foto insieme.

E Elena Santarelli, anche lei reduce dalla lotta contro il tumore – poi sconfitto – che ha colpito suo figlio Giacomo: “Ciao Nadia. Hai sempre avuto cura di sapere di Jack, sei sempre stata positiva quelle volte che riuscivo a sentirti, in silenzio hai sostenuto il progetto heal e chissà quante altre associazioni. Il mio pensiero va alla tua mamma e al tuo papà e a tutta la tua famiglia. A tutti voi che in passato avete lasciato messaggi orrendi sotto le foto di Nadia se potete chiedete perdono…”.

“Come potrò dimenticare il coraggio, l’allegria, la tua faccia sempre vicinissima? Buon viaggio guerriera“, ha detto invece il collega Nicola Savino. Come lui, in molti ricordano il suo essere “guerriera”, come lei stessa si era definita e aveva definito tutte le persone che lottano contro il cancro. “Buon riposo guerriera – è il tweet della presentatrice Manila Nazzaro – la notizia a cui nessuno riesce e vuole credere, perché impossibile vincere con te. Eppure… ci mancherai”. Tra i primi messaggi su Facebook c’è quello dell’altro collega, Matteo Viviani, che ha pubblicato una foto sorridente con Nadia dietro al bancone del programma televisivo e la dedica: “Ciao piccolina mia, continueremo tutti ad amarti e ammirarti”. E ancora, l’inviato Filippo Roma: “Troppo breve è stato il cammino con te, ma bello e indimenticabile…ciao Nadiuccia”. “Nessuna parola. Solo lacrime”, ha scritto invece l’ex Iena Giarrusso.

“Si aggiunge una stella nel cielo”, ha scritto su Instagram Adriana Volpe. E ancora, Enrico Mentana: “Ha avuto una forza straordinaria, ha saputo lottare con dignità e coraggio”. “Ciao Nadia“, ha twittato semplicemente Fiorello, aggiungendo un cuore rosso. “Ciao Nadia, ci mancheranno il tuo sorriso luminoso e la tua grande forza di volontà, con cui hai affrontato tutto fino all’ultimo. Buon viaggio”, ha twittato Gigi D’Alessio. “‘Stringila forte non farla andare via anche se non sarà mia è diamante Briciola’. Sono persa. Stammi vicino. Ti voglio bene!“, così invece Simona Ventura.

E Maria De Filippi: “Ciao Nadia, ti vedevo in televisione e sempre pensavo: ‘Che forza che è quella ragazza’. Poi una sera ti ho conosciuto e quello che pensavo è diventato realtà. Mi ricordo quando mi hanno detto che ti eri sentita male, mi ricordo che era un pomeriggio, stavo registrando, ti pensavo e mi sentivo tanto vicina a te. Ti ho visto combattere, soffrire tanto, ma mai smettere di crederci e di sorridere. Con la tua forza, con il tuo sorriso, con il tuo rendere normale ogni cura invasiva che facevi come si trattasse di prendere una tachipirina, hai aiutato tante persone sicuramente che stanno ancora lottando, ma certamente mi hai insegnato quanto spesso sono scema a pensare che faccio cose importanti. Tu sei qualcosa di importante per me e per tutti quelli che ti hanno conosciuto”.

Poi Luigi Di Maio: “Ciao Nadia, ci mancherai. Ci mancherà la tua forza, la stessa con cui ci hai insegnato che, anche nelle battaglie più difficili, si può lottare con la tua dolcezza e il tuo sorriso”. E Matteo Salvini: “Addio Nadia, hai lottato come una leonessa senza mai perdere il sorriso. Mancherai. Una preghiera”. “Il cancro ha ucciso una giovane donna di 40 anni ma il modo con il quale lei lo ha combattuto fa riflettere, pensare e costringe ciascuno di noi a vivere più intensamente. Terremo il suo sorriso nel cuore, un abbraccio alla sua famiglia e alla redazione de Le Iene”, ha scritto invece Matteo Renzi. “Rimarrai sempre nei nostri cuori, insieme al tuo sorriso, ciao Nadia”, ha aggiunto su Facebook Nicola Zingaretti. E Giorgia Meloni: “Hai combattuto a testa alta, con la tua grinta, con dignità e dando coraggio a chi come te, lotta ogni giorno. Addio #NadiaToffa”. “Ci resta il più grande insegnamento che ci ha dato #nadiatoffa: non smettere mai di vivere e di lottare fino all’ultimo momento”. Così su twitter Vladimir Luxuria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Morgan: “Amadeus a condurre Sanremo? Un elettricista che ripara un lavandino. Io e Chiambretti ci eravamo proposti”

prev
Articolo Successivo

Spray urticante al concerto di Salmo, il racconto dei testimoni: “Usato per rubare una collanina d’oro a un nostro amico”

next